counter

Mozione della sinistra in Regione per una moratoria alle centrali a biogas

rifondazione comunista prc 2' di lettura 06/06/2012 - I Circoli di Rifondazione Comunista di Jesi e Chiaravalle esprimono forte preoccupazione per il nuovi rischi di natura ambientale che possono derivare al territorio della Vallesina dall’indiscriminato proliferare di nuove centrali a biogas che la Regione Marche ha autorizzato o si appresta ad autorizzare nella Vallesina.

Impianti sono stati già realizzati ad Agugliano o sono in fase di costruzione come quello in Comune di Jesi in località Coppetella o altri, che sono in fase istruttoria, come a Camerata Picena o a Castelbellino. Sui territori stanno per fortuna nascendo comitati spontanei di cittadini che stanno positivamente cercando di contrastare questo nuovo scempio del territorio e dell’ambiente. E’ di ieri ad esempio, l’audizione del Comitato di Camerata Picena con la competente commissione regionale: obiettivo chiedere un urgente intervento normativo regionale, che attraverso una immediata moratoria e indirizzi normativi più stringenti consenta, in una materia che è di esclusiva competenza della Regione, di tenere nella necessaria considerazione le numerose controindicazioni che queste centrali si portano dietro: da un indiscriminata e incontrollata occupazione del suolo agricolo, all’emissione di sostanze maleodoranti e di polveri sottili, ai possibili inquinamenti delle falde e delle acque superficiali derivanti dal non corretto utilizzo del digestato come fertilizzante, al basso rendimento energetico, e agli evidenti impatti sulla viabilità.

Ad oggi la Giunta regionale del Presidente Spacca e del “modello Marche” è stata di fatto latitante privilegiando di fatto le grandi operazioni speculative che stanno dietro il businnes dell’energia rinnovabile e trascurando le legittime istanze dei cittadini e dei territori.

Ieri il consigliere regionale della federazione della Sinistra Bucciarelli (PdCI–PRC) ha anticipato alla commissione consiliare la volontà di chiedere nel prossimo consiglio regionale la discussione di una mozione che impegna la Giunta ad intraprendere con sollecitudine l'iter per giungere alla definizione di linee guida per la produzione di energia da fonte rinnovabile diversa dal fotovoltaico e, nell’immediato, a prevedere una moratoria relativamente all'installazione di impianti per la produzione di energia attraverso biomasse.

Una analoga mozione è stata presentata dal Capogruppo de “la Sinistra l’Arcobaleno” a Chiaravalle.

A Jesi purtroppo la sinistra non è più rappresentata in consiglio comunale ma sarebbe sicuramente un buon segnale che qualche consigliere riprendesse l’iniziativa del Gruppo della sinistra chiaravallese affinché anche il Comune di Jesi, sul cui territorio, con il sicuro assenso della precedente amministrazione, un impianto è in fase di realizzazione, si schieri al fianco dei suoi cittadini.

Da parte nostra continueremo come sempre l’impegno a sostegno della giusta preoccupazione e mobilitazione di tanti cittadini per la tutela dell’ambiente e della qualità della vita.



Scarica il pdf La mozione al Comune di Chiaravalle
Scarica il pdf La mozione in Regione





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-06-2012 alle 16:42 sul giornale del 07 giugno 2012 - 1422 letture

In questo articolo si parla di attualità, prc jesi, partito rifondazione comunista, prc chiaravalle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/z4h





logoEV
logoEV