counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Conero Endurance Cup, anche una giovane atleta fermana nella scuderia di Italia Endurance

3' di lettura
1299

Carolina Tavassoli

“I sogni son desideri”, il celeberrimo motivetto canticchiato da Cenerentola nell’omonimo film di Walt Disney, è anche il “credo” che ha ispirato i 19 anni – molti dei quali vissuti a cavallo – di Carolina Tavassoli Asli, la giovane amazzone marchigiana che pochi mesi fa ha visto il suo sogno diventare realtà.

Quando approdò a Italia Endurance, la scuderia gestita dal campione mondiale a squadre 2005 Gianluca Laliscia, confessò senza pudore di avere un sogno importante da realizzare: “Vorrei gareggiare nel deserto degli Emirati Arabi Uniti”. Detto, fatto: il 10 dicembre in sella a Fiwa di Pegaso, Carolina ha difeso e ben rappresentato l’Italia al Campionato mondiale young riders che si è corso ad Abu Dhabi; è stata l’unica portacolori azzurra a portare a termine i massacranti 120 chilometri del percorso iridato.

“Un’esperienza indimenticabile – racconta la 19enne di Monte San Pietrangeli – vissuta al termine di un cammino esaltante, che mi ha portato a conquistare la convocazione e a veder realizzato il sogno che cullavo sin da quando avevo iniziato a impegnarmi nell’endurance”. E siccome la storia è fatta di corsi e ricorsi, ecco Carolina e le sue Marche “restituire” tanta emozione accogliendo idealmente Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, gli Emirati Arabi Uniti e l’endurance di quel Paese in occasione di Marche Endurance Lifestyle 2012 e della Conero Endurance Cup del 16 giugno. La giovane atleta gareggia sotto le insegne di Italia Endurance e della scuderia guidata da Gianluca Laliscia, struttura referente esclusiva per l’Italia di Sheikh Mohammed. Un’opportunità unica per una ragazza che soltanto sette anni fa si affacciava con entusiasmo e curiosità nel mondo dell’endurance.

“E sì – sorride Carolina – perché iniziai proprio nel 2005. Avevo dodici anni e frequentavo il circolo Azalee del Conero di Giorgio Cingolani per prendere delle lezioni, coltivare la mia smisurata passione per l’equitazione e nulla più. Abitando a dieci chilometri dall'ippodromo San Paolo di Montegiorgio mi facevo accompagnare da mia madre e mio padre a vedere queste fantastiche creature. Alla fine non mi accontentai più di guardare i cavalli da lontano, volevo accarezzarli e stare in mezzo a loro così ero sempre nelle scuderie a parlare con i maniscalchi e gli uomini di scuderia. Quando mi veniva regalato un ferro ero la persona più felice del mondo. Compiuti sette anni i miei si sono decisi a portarmi al maneggio di Cingolani dove, oltre all’avviamento si pratica endurance. Accadde così, quasi per caso, che Giorgio, parlando con mia mamma buttò lì l’idea di farmi partecipare a una gara sui 30 chilometri”. Ecco, quindi, quando scattò la “scintilla”.

“Ricordo quel giorno in ogni suo momento – confessa Carolina – perché mi sembrò di toccare il cielo con un dito: un cavallo tutto per me, sotto la sella, per una gara in cui non ero più un’allieva che prendeva lezioni ma un’atleta a tutti gli effetti. Io e il cavallo a scambiarci sensazioni, emozioni, a condividere una sfida. Proprio come quella di pochi mesi fa negli Emirati. Tanto entusiasmo il giorno della convocazione, tanta ansia nei giorni che hanno preceduto la partenza – spiega – che sono scomparsi d’un colpo quando sono arrivata ad Abu Dhabi, insieme a mia sorella e agli altri ragazzi della Nazionale. E poi la gara, in quel mondo sognato per anni”. Un sogno che s’è trasformato in realtà e che Carolina ha già scelto come catalogare: “Prima lo vedevo come un punto d’arrivo, ma ora è diventato un punto di partenza”. Dal quale scattare, sia chiaro, come sempre al galoppo.



... Carolina Tavassoli


Carolina Tavassoli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-06-2012 alle 15:33 sul giornale del 07 giugno 2012 - 1299 letture