Operazione 'Blu Fish', i 13 uffici marittimi della Regione sequestrano un quintale di prodotto ittico

guardia costiera 1' di lettura 01/06/2012 - L'operazione 'Blu Fish', che ha visto la partecipazione dei 13 uffici marittimi della Regione, finalizzata al contrasto della pesca abusiva sotto costa, ha portato al sequestro di 1 quintale di prodotto ittico.

Oltre al sequestro del prodotto ittico, l'operazione ha condotto gli uomini della Guardia Costiera al sequestro di numerosi attrezzi da pesca e 5 mila metri di rete da posta abusiva posizionati in zone non consentite e ritenuti pericolosi per la sicurezza della balneazione.

Un'operazione importante in materia di tutela dell'ambiente e rispetto delle regole in vista della stagione estiva come dichiarato dal comandante regionale Giovanni Pettorino. “L'attività svolta ha permesso di garantire, in questi inizi della bella stagione, oltre il rispetto delle regole e la tutela dell'ambiente marino- annuncia l'ammiraglio- anche la sicurezza in mare per tutti coloro che in questo periodo iniziano ad affollare la nostra riviera”.






Questo è un articolo pubblicato il 01-06-2012 alle 12:47 sul giornale del 04 giugno 2012 - 1247 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia costiera, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zP1


tutti quelli che partono dalla spiaggia e calano dietro gli scogli le nasse e qualcuno anche delle reti, lo possono fare? o sono abusivi e sono sempre stati tollerati dall'autorità? io questo non l'ho mai capito. In primavera è davvero sorprendente la quantità di bandiere di segnalazione delle nasse in mare ad iniziare da dietro le scogliere fino a molto al largo, non c'è nessun tipo di regolamentazione?




logoEV