Macerata: commetteva reati con il figlio neonato in braccio. Fermata una nomade

Arresto 1' di lettura 20/05/2012 - Un bimbio di un mese in braccio ed un ragazzino come complice. Una giovane mamma nomade è stata fermata con l'accusa di furto.

La donna, appenna 23enne, andava a rubare nelle abitazioni con il figlio di un mese e mezzo in braccio e un minorenne suo parente come complice, "addetto" a scassinare le porte.

I due, nomadi dell'ex Jugolavia, 23 anni lei e 17 lui, con una sfilza di "alias", sono stati arrestati dai carabinieri di Civitanova Marche. Avevano appena messo a segno un furto in un appartamento portando via gioielli per circa 40 mila euro. Ma sono stati notati da un vicino, che ha subito avvisato il 112. Ora la donna e' in una casa famiglia, il ragazzo in un centro d'accoglienza.






Questo è un articolo pubblicato il 20-05-2012 alle 15:07 sul giornale del 21 maggio 2012 - 2086 letture

In questo articolo si parla di cronaca, riccardo silvi, arresto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ziC





logoEV