Ancona: Zinni (Pdl), 'No alla perdita dell'immobile del teatro delle Muse

Giovanni Zinni 1' di lettura 18/04/2012 - “Sono esterrefatto – dice Giovanni Zinni Consigliere Regionale e Coordinatore Grande Città di Ancona de Il Popolo della Libertà – dell'ultima ipotesi tirata in ballo da Gramillano per salvare la Fondazione del Teatro Stabile, cioè regalare l'edificio del Teatro delle Muse ad una nuova unica fondazione che racchiuda la Fondazione dello Stabile e quella delle Muse.

Il Teatro delle muse è stato costruito con i soldi pubblici ed è di proprietà del Comune, Ente Pubblico Locale che rappresenta i cittadini. Le Fondazioni sono contenitori artistici che promuovono delle pregevoli attività, ma non rappresentano niente e nessuno che non sia il loro dignitoso lavoro di prosa e di lirica.

Trovo indecente ipotizzare un danno erariale al bilancio comunale regalando un immobile ad un'associazione privata addirittura come garanzia ipotecaria per dei mutui a scopo culturale. In un'epoca di grave crisi economica, l'unica cosa seria che potrebbe fare il Comune è quella di ridurre le attività teatrali, tutelando semmai le forze lavoro delle due Fondazioni, ma non quella di rischiare di far pignorare un domani il Teatro dalle Banche qualora non si riuscisse a sostenere le rate dei mutui!

Le Fondazioni vanno salvate, ma in economia e l'edificio delle Muse deve rimanere di proprietà dei cittadini, a meno che non si abbia il coraggio di venderlo in maniera lecita ai privati: guai a fare operazioni strane! Spero che il Sindaco chiarisca questo imbarazzo, anche perché altrimenti mi troverei costretto a presentare un esposto denuncia agli organi giudiziari”


da Giovanni Zinni
Consigliere Regionale PdL




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2012 alle 17:42 sul giornale del 19 aprile 2012 - 1203 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, pdl, giovanni zinni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xWa





logoEV