Ancona: contrabbando, doppio sequestro di sigarette al Porto

sequestro di sigarette al Porto Dorico 1' di lettura 11/04/2012 - Doppio sequestro di sigarette di contrabbando al Porto di Ancona nel giro di poche ore. In due distinte operazioni mirate le Fiamme Gialle di Ancona in collaborazione con i funzionari della Dogana hanno rinvenuto oltre 7,5 tonnellate di tabacchi lavorati esteri.

Le 7,5 tonnellate di sigarette, di marca “Jin Ling”, “Majestic”, “Slim Raquel” e “Jackman”, per un valore commerciale di circa 1650 mila euro in cui sono ricompresi diritti doganali evasi per circa 1.460 mila euro, sono state rinvenute all'interno di due autoarticolati provenienti dalla Grecia. Nel primo caso, le 'bionde' erano nascoste da un carico di tubi per l'irrigazione mentre nell'altro erano occultate in un doppiofondo.

Le sigarette, che secondo i documenti di accompagno erano rispettivamente destinate alla Germania e all'Italia, sono state pertanto sequestrate. Il conducente del primo autoarticolato, ritenuto responsabile del reato di contrabbando, è stato arrestato e condotto presso il carcere di Montacuto mentre nei confronti dell'altro, ignaro dell'effettivo carico trasportato, non è stata ravvisata alcuna responsabilità.








Questo è un articolo pubblicato il 11-04-2012 alle 11:46 sul giornale del 12 aprile 2012 - 1760 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, guardia di finanza, sigarette, contrabbando, porto di ancona, Sudani Alice Scarpini, dogana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xBA





logoEV