Produzione rifiuti e raccolta differenziata: i dati del 2011

Sandro Donati 3' di lettura 10/04/2012 - Diminuisce la produzione dei rifiuti, cresce la quota della differenziata. L’assessorato all’Ambiente della Regione ha diffuso i dati relativi al 2011. Le Marche hanno conseguito quasi il 50% di differenziata, con un incremento dell’8% rispetto al 2010.

La produzione di rifiuti è diminuita di circa 30 mila tonnellate, quella pro-capite di 21 kg. In tre anni, la raccolta differenziata è quasi raddoppiata. L’assessore Sandro Donati esprime “grande soddisfazione” per i risultati conseguiti: “Le politiche regionali, in materia di rifiuti, stanno dando riscontri positivi. È necessario incrementare la raccolta differenziata porta a porta, per consolidare ulteriormente questi traguardi. La Regione conferma l’impegno per promuovere la crescita costante di una cultura attenta all’ambiente attraverso un’opera capillare di informazione dei cittadini e di formazione degli amministratori locali”. Proprio sull’attività di informazione e formazione prosegue la collaborazione fra Regione Marche e Legambiente che, anche quest’anno, organizzeranno “Comuni ricicloni”. La manifestazione sarà presentata, nei prossimi giorni, dal presidente di Legambiente Marche, Luigino Quarchioni, e dall’assessore Donati.

Molto positivo è anche il dato della raccolta differenziata, che è arrivata al 49,08% con un aumento del 7,72% rispetto all’anno precedente. L’incremento è significativo perché è addirittura superiore al tasso di crescita che si era registrato fra il 2010 e il 2009 (un più 6,23%, dal 35,15 al 41,38%); un aumento in percentuale che porta quasi a raddoppiare il dato del 2011 rispetto a quello del 2008 quando, nelle Marche, la raccolta differenziata si era attestata al 26,53%.

Significativo è il risultato della Provincia di Macerata che ha un trend positivo di oltre il 9%. Sono superiori alla media regionale anche gli incrementi di Pesaro e Urbino e di Ancona, altra provincia che partiva già da una buona performance. Pur dando segnali di ripresa, i due Ato in maggior affanno sono ancora quelli di Fermo e di Ascoli Piceno. In quest’ultima Provincia nessun Comune ha raggiunto l’obiettivo del 60% fissato dalla legge; in quella di Fermo sono invece quattro. La popolazione dei Comuni che hanno superato la soglia del 60% di raccolta differenziata è complessivamente di circa 540.000 abitanti, pari al 34% della popolazione totale; in sintesi un marchigiano su tre è stato virtuoso nella raccolta differenziata. I Comuni che hanno superato, nel 2011, la fatidica soglia del 60% di raccolta differenziata che assicura, grazie al sistema premiale introdotto dalla Regione Marche, il pagamento di un tributo ridotto per lo smaltimento in discarica dei rifiuti, sono stati 58; il maggior numero è concentrato nelle province di Macerata (36 Comuni) e di Ancona (13 Comuni) e, a seguire, Pesaro e Urbino (5 Comuni) e Fermo (4 Comuni). Le migliori performance sono state quelli dei Comuni di Montecassiano (83,84%), Pollenza (83,42%); Fiordimonte (81,86%), Esanatoglia (81,54%), Pievebovigliana (80,91%), Montelupone (80,75%), Appignano (80,13%) tutti in provincia di Macerata e con valori sopra l’80%; Serra de’ Conti (77,27%) in provincia di Ancona, Porto San Giorgio (66,15%) in provincia di Fermo, Sant’Ippolito (78,17%) e Mondavio (73,88%) in quella di Pesaro e Urbino. Fra i Comuni capoluogo di Provincia il risultato migliore è quello di Ancona (60,58%), seguita da Pesaro (53,39%), Macerata (44,58%) e poi da, Ascoli Piceno (41,07%) e Fermo (33,68%). Fra i Comuni maggiori, ottimi i risultati di Recanati (76,35%), Tolentino (71,13%), Osimo (63,87%), Porto San Giorgio (66,15%) e Porto Sant’Elpidio (62,51%).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2012 alle 17:12 sul giornale del 11 aprile 2012 - 1381 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, sandro donati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xAi