Ancona: Maridipart, per ora la soppressione non è all’esame

Maridipart 1' di lettura 10/04/2012 - La soppressione del Dipartimento Militare Marittimo dell’Adriatico non è attualmente nei programmi della Marina né della Difesa. Lo ha comunicato al presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Antonio Catricalà.

Spacca aveva chiesto nelle scorse settimane al Governo (con lettere inviate al presidente del Consiglio Monti, al ministro della Difesa Di Paola e degli Esteri Terzi oltre che al capo di Stato maggiore della Marina Branciforte) se le notizie circa la chiusura del Dipartimento fossero vere e, in tal caso, di riconsiderare tale ipotesi.

A seguito di tali sollecitazioni, il sottosegretario Catricalà ha trasmesso al presidente Spacca la risposta del generale Tullio Del Sette, Capo Ufficio Legislativo del Ministero della Difesa. Il generale Del Sette fa sapere che la paventata soppressione del Maridipart di Ancona non è all’esame, in quanto non è stata oggetto di alcuna proposta da parte della Marina o di altra articolazione della Difesa.

Il generale precisa però che non è escluso che tale soppressione possa essere inserita tra le misure di riduzione degli assetti territoriali in sede di esercizio della delega che dovrebbe attribuire al Governo, una volta che sarà stato presentato dal Governo ed approvato dal Parlamento, il DDL di revisione dello strumento militare nazionale in corso di predisposizione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2012 alle 14:06 sul giornale del 11 aprile 2012 - 1619 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, ancona, dipartimento militare marittimo, maridipart

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xzc