Legge regionale sullo sport, Spacca: 'Rafforzato il ruolo dell'attività sportiva per la coesione sociale'

sport 2' di lettura 27/03/2012 - “Con questa legge ci poniamo l’obiettivo di rispondere meglio ed in modo più efficace alle esigenze dei cittadini che praticano lo sport e di valorizzare i progetti di promozione sportiva e gli eventi sul territorio. Rispetto alla precedente normativa abbiamo voluto essere più chiari nello specificare gli obiettivi e le finalità.

Abbiamo evidenziato con maggior forza l’importanza del ruolo che lo sport svolge per la coesione sociale tramite la diffusione dei valori democratici e di cittadinanza, della solidarietà, del rispetto degli altri, con la consapevolezza che occorre incentivare la collaborazione tra enti, sostenere l’associazionismo sportivo e fare dello sport il cardine per la prevenzione socio-sanitaria, il perseguimento del benessere psico-fisico e l’educazione al rispetto delle regole e al lavoro di squadra”. Così il presidente della Regione Gian Mario Spacca sulla legge regionale sullo Sport approvata martedì in Assemblea legislativa.

“E’ nostro dovere – ha aggiunto - garantire a tutti i cittadini la possibilità di usufruire di servizi per esercitare le attività sportive. La Regione vuole favorire e incentivare, anche finanziariamente, in particolare alcune tipologie di attività sportive e del tempo libero, attraverso la promozione dello sport di cittadinanza e l’incentivazione delle attività sportive delle persone diversamente abili”. Per quanto riguarda questa tipologia di intervento, in particolare, si è ritenuto fondamentale procedere ad una condivisione degli interventi da effettuare nel nostro territorio d’intesa e con il parere del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) regionale. Le politiche in materia di sport e di finanziamenti per l’attività sportiva dei disabili saranno concertate con il mondo dell’associazionismo in quanto si ritiene di grande importanza il contributo che potranno dare. “Altri elementi di forza della legge – ha sottolineato Spacca – sono lo sviluppo delle associazioni sportive sociali senza fine di lucro, la promozione dell’impiantistica sportiva, il sostegno delle attività e delle manifestazioni sportive volte alla diffusione dello sport, il sostegno al merito sportivo, che si realizza con l’istituzione di premi destinati a singoli atleti al di sotto dei 18 anni e a quello “sport di tutti” rivolto all’associazionismo”.

Spacca ha espresso apprezzamento per il lavoro svolto dal presidente della Commissione consiliare, da tutti i consiglieri e da tutti coloro che dall’”esterno” hanno collaborato a migliorare testo della legge.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2012 alle 17:11 sul giornale del 28 marzo 2012 - 1476 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, sport, legge

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w2L





logoEV