Gradara: sempre più ecosostenibile, il Comune inaugura la scuola ad energia solare

impianto fotovoltaico installato sul tetto del polo scolastico di Gradara. 3' di lettura 22/03/2012 - Sabato 24 marzo, alle ore 10,00 verrà inaugurato l'impianto fotovoltaico installato sul tetto del polo scolastico di Gradara. “L’Amministrazione Comunale si sta impegnando attivamente – spiega il Sindaco Franca Foronchi – per rendere Gradara un paese sempre più ecosostenibile".

"Il prossimo appuntamento della nostra “road-map” per arrivare ad essere un Comune a impatto zero è l'attivazione dell'impianto fotovoltaico installato sul tetto del polo scolastico di Gradara. Un passo importante che renderà le nostre scuole quasi completamente autosufficienti dal punto di vista energetico. È anche un segnale forte e chiaro perché cominciare dalla scuola significa puntare sui ragazzi e sulle famiglie per diffondere il messaggio che adottare un nuovo stile di vita è ormai una scelta non più procrastinabile.”

“Gradara sta per diventare un’eccellenza non solo nel settore turistico-culturale ma anche nel rispetto per l’ambiente. In questo ambito abbiamo riservato alla scuola un'attenzione particolare – aggiunge Maria Caterina Del Baldo, Assessore all'Ambiente e alla Pubblica Istruzione del Comune di Gradara – elaborando, in collaborazione con il corpo docente, numerosi progetti volti a diffondere trai più giovani la cultura del rispetto dell'ambiente in cui viviamo".

Queste le principali iniziative realizzate:
Puliamo il mondo: adesione al progetto internazionale promosso da Legambiente in difesa dell’uomo e dell’ambiente.

- Raccolta differenziata: gli alunni sono invitati ad effettuare, a casa e a scuola, la raccolta differenziata di: carta e cartone, plastica, lattine e oggetti vari. La raccolta differenziata viene effettuata anche per il servizio di ristorazione scolastica.
- Laboratori creativi del riciclo: una volta all’anno alcuni degli oggetti raccolti vengono utilizzati per la realizzazione di laboratori creativi, in cui gli esperti creano ogni volta oggetti diversi usando materiali di riciclo.
- Bicchieri in plastica dura: eliminati i bicchieri usa e getta e sostituiti con bicchieri di plastica dura, resistenti, lavabili e riutilizzabili. Sono stati regalati dal Comune ai bambini della scuola dell’infanzia e della primaria.
- L’acqua del Sindaco: sono stati installati degli erogatori che filtrano e rendono più gradevole l’acqua proveniente dall’acquedotto, quindi riduzione dei costi e minor consumo di bottiglia di plastica.
- Una mensa di qualità a km 0: il nuovo appalto per la gestione del servizio di refezione scolastica prevede l’introduzione di prodotti alimentari e agricoli biologici e a filiera corta.
- Giornata Nazionale dell’Albero: ogni anno una rappresentanza degli studenti di Gradara pianta, nel giardino della scuola, gli alberi donati dal Ministero dell’Ambiente in occasione della Giornata Nazionale dell’Albero.

Un lungo elenco ma non ci fermeremo qui! La strada per diventare un Comune totalmente eco-ostenibile è ancora lunga e intendiamo percorrerla fino al raggiungimento dell'obiettivo.

” “Gli impianti installati sugli edifici scolastici – spiega l'Ing. Michele Stramigioli, Assessore ai LL. PP. del Comune di Gradara – sono due: uno sul tetto della scuola dell'infanzia e l'altro su quello della scuola primaria, per una potenza complessiva di 31 kWp in grado di generare circa 36.000 kWh all'anno. In questo modo riusciremo a soddisfare quasi per intero il fabbisogno di energia elettrica di entrambe le scuole e della mensa attigua con un notevole risparmio sui costi in bolletta, evitando inoltre emissioni di anidride carbonica in quantità stimate pari a 23 tonnellate all'anno. L'investimento, infine, sarà totalmente ripagato dai proventi del conto energia.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2012 alle 18:30 sul giornale del 23 marzo 2012 - 1247 letture

In questo articolo si parla di attualità, raccolta differenziata, gradara, comune di gradara, riciclo, vivere pesaro, tetto, impianto fotovoltaico, polo scolastico, franca foronchi, ecosostenibilità, scuola gradara, Michele Stramigioli





logoEV