counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Elezioni RSU, Usb: lettera aperta ai lavoratori del Pubblico Impiego delle Marche

2' di lettura
1600

usb logo

Care Colleghe e cari Colleghi, Vogliamo arrivare con una breve lettera a tutte/i voi che ogni giorno fate funzionare, come noi, la Pubblica Amministrazione.

Siamo in tanti tra impiegati, Infermieri, Educatrici, Insegnanti, Assistenti Sociali, Operai, Personale ausiliario, Museali, Vigili, Bibliotecari.
Le cose importanti si fanno in tanti.
Quest’anno, il 5-6-7 Marzo 2012 si rinnovano i delegati RSU ovvero coloro che, nostri colleghi,
ci rappresentano nei luoghi di lavoro anche ai tavoli di trattativa.

Il singolo lavoratore che si presenterà per essere eletto da voi appartiene ad una lista ed allora la domanda è spontanea: cosa servono questi RSU, seppur bravi e onesti localmente, se poi a livello regionale o nazionale la sigla con cui si candidano, è stata complice dei governi che vogliono farci pagare la crisi, con il blocco dei contratti fino al 2017, delle assunzioni, i licenziamenti dei precari, il taglio delle pensioni, la mobilità coatta e la cassa integrazione?
Purtroppo tutti questi anni CISL, UIL e CGIL hanno sempre sbandierato i dati delle votazioni e della rappresentanza per sentirsi legittimati a firmare e sottoscrivere accordi che risultano contro i lavoratori pubblici e i servizi pubblici.

Con l’accordo del 28 giugno scorso si sono autoassegnati la possibilità di firmare in sede decentrata qualsiasi deroga al CCNL.
Per farlo hanno però bisogno della maggioranza dei voti. IMPEDIAMOLO!
Questa volta noi di USB vi chiediamo di diventare protagonisti non solo con il voto, ma presentando le liste USB, candidandovi e sostenendo la nostra campagna elettorale.
Come USB vogliamo lasciare aperte le liste alle candidature di ciascun lavoratore che voglia esprimere il cambiamento.

Contattaci, insieme daremo vita alla lista USB. Le liste vanno presentate entro il giorno 8 febbraio 2012



usb logo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2012 alle 15:43 sul giornale del 30 gennaio 2012 - 1600 letture