counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Maiolati Spontini: il forno Hoffmann de La Fornace set per l’album di “Zibba & Almalibre”

2' di lettura
1502

biblioteca La Fornace

L’antico Forno Hoffmann, la galleria circolare che si trova sotto la biblioteca La Fornace di Moie, si trasformerà dal 27 gennaio nel set per le lavorazioni del nuovo disco di Zibba e Almalibre, che vedrà la luce nella prossima primavera.

La band ligure, nata nel 1998, si è fatta conoscere a livello nazionale grazie al successo dei tre album: “Una cura per il freddo”, “L’ultimo giorno” e “Senza smettere di far rumore”.

Dopo un concerto realizzato nella cittadina di Moie lo scorso settembre, il gruppo “si è letteralmente innamorato – racconta l’assessore alla Cultura Sandro Grizi – del nostro centro culturale eFFeMMe23 e soprattutto della galleria ricavata negli spazi dell’antico forno Hoffmann, che Zibba e Almalibre ha deciso di scegliere per farne una sorta di set. Per dieci giorni, infatti, ospiterà la band e i loro tecnici che la trasformeranno in uno studio di registrazione”.

Il cantante Zibba parla della biblioteca di Moie come di “un posto magico. Una grande biblioteca multimediale che ogni Comune sognerebbe di avere. In pochi minuti la visita ci portò al forno, un locale ellittico tutto in pietra lasciato esattamente com'era in origine. E così l'idea: registriamo qui. Certo, la fortuna è stata quella di incontrare persone che hanno visto di buon occhio la nostra stramba idea. Non siamo gli unici a cui piacciono le sfide. Così in pochi mesi eccoci qui, pronti per questa strana avventura che avrà molto da dire”.

L’assessore Grizi si dichiara contento della collaborazione e intanto Zibba si dice convinto che “iniziare con la registrazione in un posto così speciale ci porterà fortuna. Vogliamo regalare un bel disco a tutti quelli che ci seguono. Verrà anche registrato un documentario sul lavoro, che uscirà contemporaneamente al disco”.



biblioteca La Fornace

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2012 alle 21:37 sul giornale del 26 gennaio 2012 - 1502 letture