counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Federparchi: 'Auspichiamo una nuova legge per il riordino del sistema delle aree protette'

2' di lettura
1351

Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Si è riunita martedì ad Ancona l'Assemblea di Federparchi Marche alla luce della recente approvazione di bilancio da parte della Regione che assegna ai parchi e alle aree protette circa 3 milioni e 700mila euro per il 2012, contro i 4 milioni e 100 mila euro del 2011.

Un taglio, pari a circa il 10%, “doloroso ma inevitabile” secondo il coordinatore di Federparchi Marche Fabrizio Giuliani che sottolinea come tutti debbano fare la propria parte in questo difficile momento di crisi. Anche per questo motivo l'intera Assemblea, di cui fanno parte i rappresentanti dei parchi regionali “Monti Sibillini”, “Monti della Laga”, “Conero”, “Gola della Rossa e Frasassi”, “Monte San Bartolo”, “Sasso Simone e Simoncello”, delle riserve “Abbadia di Fiastra”, “Ripabianca di Jesi”, “Sentina”, “Torriccho” e “Gola del Furlo” oltre al Wwf regionale e Legambiente Marche, ha espresso soddisfazione per l'esito della previsione di bilancio in un momento tanto delicato. Nelle Marche si contano 12 aree protette (tra parchi nazionali e regionali e riserve nazionali e statali) che coprono circa il 10% dell'intero territorio. Plauso anche per lo stop alla proposta di legge (approvata con Dgr n. 1465 del 7 novembre 2011) sul riordino dei parchi da parte dell'assessore regionale all'Ambiente Sandro Donati lo scorso 19 gennaio, “purchè -ha affermato l'Assemblea- la decisione derivi dall'effettivo ascolto delle nostre istanze durante l'audizione in IV commissione del 12 gennaio”. Nella riscrittura della legge dunque, Federparchi chiede che siano tenute in considerazione le osservazioni formulate in IV commissione dall'associazione degli Enti locali (Anci-Upi-Uncem), dalle associazioni agricole e ambientaliste.

“Siamo d'accordo che il riordino debba portare anche ad un risparmio economico, purchè venga rispettato il principio fondamentale della massima rappresentatività e autonomia territoriale- ripetono i soci dell'Assemblea- siamo fiduciosi che la Regione ascolti tutte le parti e licenzi una legge adeguata in tempi rapidi per riavere piena operatività”. Infatti dal 28 dicembre il Parco del Conero, il Sasso Simone e Simoncello e il San Bartolo sono commissariati. “C'è bisogno al più presto di una nuova legge -prosegue Federparchi- anche per evitare la proroga del commissariamento”. Secondo Giuliani, “il problema di fondo è culturale e politico. Se si considera la tutela come antitetica alle strategie di risposta alla crisi economica diventa difficile pensare che si possano individuare politiche e strategie ad ampio respiro. Solo se si riuscirà invece a comprendere a pieno il ruolo culturale, sociale e anche economico della difesa del territorio, del paesaggio e della biodiversità si potrà sperare di realizzare azioni in grado di creare un valore aggiunto importante con un beneficio collettivo condiviso”.



Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2012 alle 17:07 sul giornale del 25 gennaio 2012 - 1351 letture