Silvetti: 'Asur, la Regione spieghi il dietrofront sui concorsi'

Daniele Silvetti 1' di lettura 12/01/2012 -

La direzione regionale dell'ASUR ha recentemente impartito ai direttori delle aree vaste la direttiva di annullare e revocare i concorsi pubblici già banditi dai responsabili delle ex-zone territoriali.



"Tali concorsi si erano resi necessari per coprire i posti vacanti nelle piante organiche sottodimensionate, situazione che tra l'altro andava a discapito dell'utenza stessa e della qualità del servizio offerto – sostiene Silvetti – ed inoltre tale decisione è in palese contrasto con l'impegno assunto dai vertici regionali, di ridurre i contratti di lavoro "flessibili", riferiti alle figure professionali dirigenziali".

"In un momento di crisi, che vede peraltro la massima attenzione nel ridimensionare la spesa pubblica – continua Silvetti, che ha presentato una interrogazione sulla questione – l'iniziativa della direzione regionale dell'ASUR di revocare le procedure concorsuali, stupisce maggiormente, per il fatto che produrrà maggiori costi quando, in futuro, questi concorsi, necessari per garantire la funzionalità e l'economicità del servizio sanitario regionale, dovranno nuovamente essere banditi".

Il capogruppo di FLI alla regione Marche, Daniele Silvetti, si sta da tempo interessando alle questioni concorsuali che attengono alla sanità regionale, come nel caso eclatante riguardante l'ospedale di Osimo, dove a seguito del concorso pubblico, indetto il 2 settembre 2011 e tutt'ora senza vincitore, risulta ancora vacante la figura di un dirigente medico specializzato in pneumologia; il tutto, sembrerebbe, a causa della mancata nomina di un componente della commissione!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2012 alle 16:04 sul giornale del 13 gennaio 2012 - 1373 letture

In questo articolo si parla di politica, concorso, daniele silvetti, fli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/tQa