Latini (Api): 'Sì alla sinergia dei servizi comunali in Valmusone'

1' di lettura 09/01/2012 -

La spinta che stanno offrendo i sindaci interessati (Loreto, Castelfidardo e Osimo) e quella che anche gli altri primi cittadini sapranno offrire ad una futura unione di alcuni servizi  comunali degli enti locali a sud di Ancona, è più che positiva e va sostenuta in tutte le sue direzioni e l’abbiamo fatto finora come consiglieri regionali il sottoscritto e Moreno Pieroni. 



Non si tratta solo di una questione di forza demografica o di poter contare di più (anche se questo secondo aspetto è rilevante), ma di evidenziare l’omogeneità di un territorio e dei relativi cittadini dal punto di vista civico, economico e sociale, affinchè le comunità possano meglio essere servite e avere risposte alle loro esigenze. Vi è la questione sanitaria e quella delle infrastrutture ma anche quella del lavoro e delle risposte sociali che per tasselli o per funzione storica il territorio della bassa valle del Musone può affrontare con un unico obbiettivo generale. Certo, non sarà facile superare autonomie proprie degli enti locali e diversità che ancora sono ricchezze di conoscenze e di modi di lavorare, ma i servizi in comune nell’ambito della polizia municipale e del turismo costituiscono un importante punto di partenza.



da Dino Latini
Presidente della Commissione Bilancio
della Regione Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2012 alle 16:23 sul giornale del 10 gennaio 2012 - 831 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, osimo, dino latini, valmusone, notizie osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tI1





logoEV