Ancona: Confartigianato Trasporti mobilita la categoria, assemblea nel capoluogo

Confartigianato Trasporti 2' di lettura 04/01/2012 -

Non si sblocca la vertenza nazionale sulla crisi dell’autotrasporto. Prosegue la mobilitazione anche nelle Marche. Assemblea ad Ancona giovedì 5 alle 21.15 presso la Confartigianato di Ancona in Via Fioretti per fare il punto sulla crisi che imperversa per i rincari del gasolio, delle assicurazioni, dei pedaggi autostradali e dei costi più in generale. Dopo la dichiarazione di fermo dell’autotrasporto dal 23 al 28 gennaio, nulla si muove a livello Governativo.



“Da diverse settimane – spiegano Renzi, Marzocchi e Gasparoni – UNATRAS ha inviato una richiesta al Ministro Passera per un confronto sui problemi dell’autotrasporto, alla quale non vi è stata alcuna risposta. Le nuove norme sembrano create appositamente per ridurre la competitività delle imprese italiane e compromettere la sicurezza stradale”.

In pratica andiamo dall’aumento insostenibile del costo del gasolio (settemila euro all’anno per veicolo), ai costanti rialzi dei premi assicurativi, dall’aumento delle giornate di divieto di circolazione, alla deregolamentazione delle norme per l’accesso alla professione di autotrasportatore e al rischio della cancellazione dei costi di sicurezza. Ciò anche in conseguenza dei numerosi ricorsi presentati dalla Confindustria e da alcune imprese della committenza al Tar del Lazio contro i quali Confartigianato Trasporti ha deciso di costituirsi per difendere i costi della sicurezza introdotti per legge nel 2009.

Anche i 1.200 piccoli vettori anconetani aderiranno alla protesta Come più volte ribadito, – commentano Samuele Renzi ed Elvio Marzocchi, presidenti provinciale e regionale di Confartigianato Trasporti – rinnoviamo la nostra richiesta per un tavolo di confronto con il Ministero al fine di evitare di aggravare una situazione già gravemente compromessa e nel frattempo abbiamo programmato azioni di mobilitazione sul territorio regionale comprese azioni di rivalsa verso quanti non pagano o sottopagano i servizi. Infine è stata avviata una campagna di adeguamento delle tariffe di trasporto richiedendo un aumento del 12% necessario a fronteggiare i pesanti maggiori costi sostenuti nel corso del 2011.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-01-2012 alle 16:13 sul giornale del 05 gennaio 2012 - 1366 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, Confartigianato Trasporti Marche, confartigianato trasporti, trasporto merci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/tAZ





logoEV