Ancona: ass. Celestini: 'Liberalizzazione orari negozi, si attende il via libera dalla Regione'

Adriana Celestini 2' di lettura 04/01/2012 -

Il provvedimento sulla liberalizzazione degli orari non é ancora stato adottato dalla città di Ancona, poiché si attende il via libera dalla Regione. Ma già i commercianti si schierano: da una parte chi dice che porterà effetti positivi, dall'altra chi resta sull'argomento fermamente negativo. Per chiarirci le idee abbiamo intervistato l'assessore al Commercio Adriana Celestini.



Alla domanda su quale effetto avrà la liberalizzazione degli orari voluta dal governo Monti l'assessore Celestini ci dice che a suo avviso non si può parlare di aspetti positivi, né negativi, ma piuttosto "effetti controversi."

"Se da una parte, infatti, - ha proseguito l'assessore Celestini - il provvedimento va incontro alla grande distribuzione, dall'altra non va sicuramente a favore della piccoli commercianti. E poi con le liberalizzazioni sorgeranno altri problemi si dovrà pensare anche a come regolare, per esempio, chi somministra bevande alcoliche con un'apertura di 24 ore su 24. Su questo punto stiamo valutando come intervenire su eventuali problemi sociali come l'alcolismo. Certo é che sarà una vera e propria rivoluzione."

"Dalla Regione - ha continuato Adriana Clestini - stiamo aspettando il regolamento che indichi al comune come muoversi. Questo provvedimento é stato preso dal governo Monti per dare nuove opportunità di lavoro, ma credo che questa possibilità sia valida solo per la grande distribuzione. Spero solo che la liberalizzazione degli orari non vada a pesare su una società già gravata dalla crisi."

A breve, insomma, l'apertura e la chiusura delle attività commerciali non conoscerà più vincoli nel tempo. Orari liberi, dunque, e con questi si potrà decidere anche se tenere aperto anche la notte. "E poi le aperture domenicali, per queste - ha affermato la Celestini - c'era già stato l'adeguamento, ma dovremo puntare ad un accordo tra i comuni che sia inferiore alle 52 domeniche l'anno. Porterò in giunta a proposito delle proposte per evitare una 'deregulation' completa. So bene che le famiglie anconetane come la stragrande maggioranza delle famiglie italiane stanno vivendo un momento di crisi. Se si guardano anche i dati Istat ci dice tutto il fatto che sono diminuite anche le spese alimentari. E poi i marchigiani devono anche fare i conti con il caro carburante dovuto alla nota 'tassa sulla disgrazia'."

"Dal 5 gennaio partiranno i saldi e, nonostrante la crisi e conseguentemente un potere di acquisto ridotto delle famiglie, mi auguro - ha concluso l'assessore Celestini - che possano essere un volano per rilanciare l'attività delle piccole realtà commerciali."






Questo è un articolo pubblicato il 04-01-2012 alle 19:21 sul giornale del 05 gennaio 2012 - 1397 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, adriana celestini, orari, laura rotoloni, liberalizzazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tCm





logoEV