Caro-carburante, Codacons: 'Gli automobilisti non facciano rifornimento il 5 e il 6 gennaio'

benzina 1' di lettura 03/01/2012 -

Indetto anche nelle Marche per il 5 e il 6 gennaio lo sciopero della benzina, proclamato dalle associazioni dei consumatori aderenti a CASPER (Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione Nazionale Consumatori).



“Abbiamo deciso di proclamare uno sciopero per protestare contro i rincari abnormi dei carburanti registrati in queste ultime ore anche in regione, – spiega il Codacons – Il 5 e il 6 gennaio prossimi i cittadini delle Marche sono invitati ad astenersi dal fare rifornimento di benzina e gasolio, come forma di protesta contro i continui aumenti delle accise decisi dagli ultimi due governi, e contro le speculazioni sui prezzi alla pompa che mantengono alti i listini nonostante il calo del petrolio".

“Si tratta di una protesta simbolica – spiega l’associazione – Sappiamo bene che la benzina rappresenta un bene primario al quale non si può rinunciare, ma il nostro scopo è quello di richiamare l’attenzione delle istituzioni e dei mass media sulla drammatica situazione degli automobilisti, sempre più tartassati da rincari e nuove tasse”.

Per le associazioni di Casper la drammatica situazione dei carburanti determina non solo una stangata sul pieno pari a 202 euro annui ad automobilista, ma anche un effetto negativo sui prezzi al dettaglio dei beni trasportati su gomma. Effetto che potrà arrivare al +0,3% sul tasso di inflazione, con danni enormi per le tasche delle famiglie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-01-2012 alle 17:00 sul giornale del 04 gennaio 2012 - 1413 letture

In questo articolo si parla di attualità, sciopero, benzina, Consumatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/tzm