counter

Tassa di soggiorno, Federalberghi: 'Le amministrazioni evitino sprechi e non mettano il balzello'

spiaggia 2' di lettura 30/12/2011 -

I Comuni delle Marche devono cambiare strategia sulla tassa di soggiorno. Quello della Federalberghi Confcommercio Imprese per l'Italia Marche è un vero e proprio affondo nei confronti delle amministrazioni comunali del territorio che si stanno organizzando, con alcune pericolosissime fughe in avanti, per applicare l'imposta di soggiorno.



La giunta e il consiglio di Federalberghi Confcommercio Imprese per l'Italia Marche si sono riuniti, nei prestigiosi locali dell'Hotel Cosmopolitan di Civitanova Marche, per valutare con urgenza l'orizzonte di applicazione della tassa di soggiorno nella nostra regione.

"Ci sono dei comportamenti difformi da parte dei Comuni sul fronte dell'imposta di soggiorno – attacca il Presidente Regionale Luciano Pompili –, e questo stato delle cose è rischiosissimo per il futuro delle nostre strutture ricettive. Si tratta di una tassa sull'economia sgradevole in prima battuta e certamente inopportuna che porta poi una cattiva comunicazione e una pessima promozione in un settore di fortissimo traino per le Marche. Dobbiamo spingere sul Turismo ed invece veniamo affossati da scelte illogiche promosse dalle amministrazioni comunali". Molto critico anche il segretario generale della Federalberghi Marche e Coordinatore Regionale della Confcommercio Imprese per l'Italia Massimiliano Polacco: "Ci troviamo di fronte – dice–, a Comuni più virtuosi e a Comuni che invece di avviare una politica di risparmi e di riduzione degli sprechi, sono stati promotori di riunioni per concordare con le altre amministrazioni la modulazione dell'applicazione della tassa di soggiorno. Questi stessi amministratori fanno poi le vittime con gli albergatori dicendo che sono stati costretti ad applicare il balzello. Basterebbe che i Comuni limitassero le spese per poter evitare l'applicazione di un'imposta che andrà ad appianare le inefficienze del Pubblico".

La Federalberghi Confcommercio Imprese per l'Italia Marche proporrà anche l'istituzione, presso le proprie imprese, di un libro nero degli utenti in cui i turisti potranno denunciare tutte le inefficienze sulla mancata accoglienza e le lamentele per il pagamento della tassa di soggiorno. Dura la posizione della Federalberghi anche sul tentativo di interpretazione dell'obbligo tributario che alcuni Comuni vorrebbero applicare facendo cadere la responsabilità della riscossione dell'imposta agli operatori alberghieri. Si tratta di un'ipotesi che è stata già rigettata dai tribunali laddove è stata contestata. E qualora le Amministrazioni vogliano insistere su questa strada, che vanga costruita una progettualità per utilizzare i fondi introitati con la presenza al tavolo degli unici operatori realmente toccati dal balzello: gli operatori del ricettivo alberghiero.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2011 alle 15:40 sul giornale del 31 dicembre 2011 - 2062 letture

In questo articolo si parla di attualità, spiaggia, Federalberghi, tassa di soggiorno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ttV





logoEV
logoEV