counter

Coldiretti: crescono le vendite di spumante marchigiano

spumante 2' di lettura 30/12/2011 -

Crescono le vendite di spumante marchigiano, che fa segnare un 15 per cento di incremento, secondo un analisi di Coldiretti su rilevazioni dell’Istituto marchigiano di tutela vini, effettuata in vista del Capodanno: la presenza di bollicine a Denominazione d’origine sul mercato sta aumentando.



“Una scelta a difesa del territorio e dell’economia locale – sottolinea Giannalberto Luzi, presidente di Coldiretti Marche – che anche nella nostra regione conferma la leadership del prodotto tricolore rispetto a scelte esterofile”.

Non a caso, nove brindisi su dieci saranno effettuati con bottiglie italiane. “Stiamo registrando risultati molto positivi grazie alla lungimiranza di alcune scelte, come quella dell’Igt Marche – conferma Alberto Mazzoni, direttore dell’Istituto marchigiano di tutela -, ma anche dei nostri imprenditori che propongono un prodotto di alta qualità che non ha nulla da invidiare né alle bollicine straniere, né al Prosecco o all’Asti”.

Per gustare appieno lo spumante occorre però seguire alcune piccole regole. Innanzitutto, secondo Coldiretti Marche, serve evitare di offrirlo ghiacciato. La bottiglia va tirata fuori dalla cantina un paio d'ore prima e raffreddata in un secchiello con ghiaccio tritato, acqua fredda e sale grosso. La temperatura migliore è compresa fra gli 8 ed i 12 gradi. Berlo esclusivamente in una flûte a forma di tulipano che consente agli aromi di svilupparsi liberamente.

Per gustare al meglio l'effervescenza – continua Coldiretti Marche - sciacquare i bicchieri con acqua calda e sapone neutro. Per stappare lo spumante occorre tenere con una mano il tappo e far ruotare con l'altra mano la bottiglia leggermente inclinata accompagnando sempre l'espulsione del tappo. Far uscire poi lentamente il gas e versarlo tenendo la bottiglia dal fondo e non dal collo per evitare che lo spumante si riscaldi con il calore della mano. Mai utilizzare del ghiaccio nel bicchiere. Le bottiglie – conclude Coldiretti Marche – vanno conservate in una cantina buia, fresca e senza sbalzi di temperatura, in posizione orizzontale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2011 alle 12:16 sul giornale del 31 dicembre 2011 - 1383 letture

In questo articolo si parla di attualità, coldiretti, coldiretti marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ttl





logoEV
logoEV