counter

Recanati: rapinatore ucciso durante una rapina, 'eccesso di legittima difesa'

pistola 1' di lettura 27/12/2011 -

'Eccesso di legittima difesa' sembra essere questo uno dei particolari trapelati dall'autopsia effettuata sull'albanese ucciso a Recanati durante una rapina. L'uomo è stato colpito da un colpo alla fronte esploso da qualche metro da parte del proprietario della casa che stava derubando.



S.F., consulente finanziario di 60 anni si trovava nella dependance quando ha sparato verso una finestra. I vetri erano stati frantumati dall'albanese nel tentativo di entrare in casa ed il proprietario, avendo capito che si trovava nel bel mezzo di un tentativo di furto, ha fatto fuoco con una pistola legalmente detenuta. L'albanese che era già entrato nella casa principale e aveva già rubato diversi oggetti di valore, distruggendo anche elettrodomestici e mobilio, si trovava insieme ad altri due complici al momento ricercati a piede libero.

L'albanese raggiunto dal colpo alla testa aveva 27 anni ed è morto all'ospedale Torrette di Ancona raggiunto grazie ai soccorsi chiamati dallo stesso uomo che ha sparato il colpo e che ora ha deciso di trasferirsi altrove per qualche tempo per paura di ritorsioni, da parte degli altri componenti della banda. Fa riflettere intanto quel particolare 'eccesso di legittima difesa'. Quando una difesa che è considerata per sua natura 'legittima' deve essere considerata anche eccessiva?






Questo è un articolo pubblicato il 27-12-2011 alle 19:12 sul giornale del 28 dicembre 2011 - 1495 letture

In questo articolo si parla di cronaca, rapina, furto, ospedale torrette, pistola, albanesi, autopsia, elisa tomassini, recanti, eccesso di legittima difesa





logoEV
logoEV