counter

Porto Recanati: suicida il titolare del Bellamare. Ignote le ragioni del gesto

Condoglianze 1' di lettura 22/12/2011 -

Una corda al collo ha spezzato la vita di Sandro Tavoloni, noto proprietario del camping Bellamare, che per ragioni ancora ignote si è tolto la vita all'interno del camping mercoledì mattina. A fare la triste scoperta la figlia Perla, che collabora alle attività della famiglia.



Mercoledì mattina Tavoloni si trovata con la famiglia in campeggio, dove spesso passava le sue giornate, per sbrigare alcune incombenze, con lui presente anche il fratello minore Sergio e la figlia Perla. Ad un certo momento l'uomo abbandona con calma la stanza dicendo di voler andare a fare un giro nei paraggi e dando appuntamento agli altri presso la nuova casa di Numana, dove diceva, si sarebbero trovati più tardi. Uscita dall'ufficio anche la figlia, nota l'auto del padre parcheggiata e assalita da uno stato crescente di agitazione si precipita dentro per capire come mail il genitore si trovasse ancora là. A quel punto la tragica scoperta.

Il corpo penzolava senza più vita ed a nulla è valso il tentativo della donna di salvarlo. La tragedia ha destato dolore e stupore, non solo la famiglia è stata colpita dal lutto, ma la riviera intera conosceva Tavoloni come imprenditore.






Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2011 alle 17:54 sul giornale del 23 dicembre 2011 - 1868 letture

In questo articolo si parla di cronaca, suicidio, porto recanati, elisa tomassini, condoglianze, camping bellamare, alessandro tavoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/thT





logoEV
logoEV