counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CULTURA
comunicato stampa

Jesi: Emergency e Dondero raccontano l'Afghanistan per la 'Giornata della Pace 2011'

2' di lettura
1176

Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi

La Giornata della Pace 2011 si svolgerà nel nome di Emergency e del grande fotogiornalismo. L'annuale manifestazione, organizzata e promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi e dalla Consulta per la Pace, avrà quest'anno come protagonisti l'organizzazione fondata da Gino Strada, con la presenza del co-fondadore Giulio Cristoffanini e Mario Dondero, autore  di un eccezionale reportage realizzato in Afghanistan.

In Afghanistan Dondero è rimasto per un mese, soprattutto a Kabul, ma ha girato anche altre regioni come il Panshir, visitando gli ospedali e le strutture di assistenza di Emergency, alcune scuole e prigioni. Attraverso le sue foto, oggetto di una bella mostra itinerante che ha toccato anche alcune località delle Marche, il reporter milanese testimonia le sofferenze e le tragedie indicibili (soprattutto dei bambini colpiti dalle mine, i cui effetti sono sempre più atroci) di un paese che dall'invasione russa del Dicembre 1979, solo se ci riferiamo alla storia recente, è sconvolto da guerre e conflitti intestini. Durante l'incontro, che si terrà a partire dalle 17,00 al Teatro Valeria Moriconi in Piazza Federico II, le immagini del reportage afgano saranno proiettate e commentate direttamente dall'autore.

Mario Dondero, leggenda vivente del fotogiornalismo, nato a Milano nel 1928, ha segnato il secolo scorso con le sue foto. Ha cominciato come giornalista scrivente all'inizio degli anni Cinquanta, poi è passato a fotografare per alcuni tra i più importanti quotidiani italiani. Legato da sempre a gruppi di intellettuali (inizialmente a Milano, in seguito a Parigi, dove si è trasferito nel 1954, e infine a Roma, dove negli anni Sessanta frequentava personaggi come Pasolini, Moravia o Dacia Maraini), è sempre stato un fotografo eclettico e originale, dallo stile molto personale e difficile da inquadrare, nonostante si sia quasi sempre tenuto nel campo della fotografia di documentazione. Negli anni settanta ha viaggiato un po' in tutto il mondo, realizzando reportage sociale e di impegno civile e politico, dalle torture in Algeria alle indagini del tribunare Russell a Stoccolma fino all'Afghanistan di Emergency.



Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-12-2011 alle 15:43 sul giornale del 23 dicembre 2011 - 1176 letture