counter

Jesi: si fa consegnare cinquantamila euro da un commerciante fingendo di dover ereditare

Tenente Eleonora Spadati 2' di lettura 20/12/2011 -

Lo spaccio di droga fruttava bene, ma evidentemente non bastava a “Billy”, l’alias con cui era conosciuto dai giovani a cui vendeva la cocaina al prezzo di 50 euro alla dose. Così D.P.A.M., senegalese di 30 anni, nato a Milano, ma da tempo residente in Vallesina, è stato arrestato anche per circonvenzione di incapace.



L’atto restrittivo, frutto di un certosino lavoro dei militari del Nucleo operativo di Jesi diretti dal Tenente Eleonora Spadati, è stato eseguito presso il carcere di Pesaro, dove il giovane era già rinchiuso per altri reati.

I clienti a cui Billy vendeva lo stupefacente, per lo più a Porta Valle, Campo Boario, alla fermata delle corriere, nei pressi della Stazione Ferroviaria, ma non disdegnando anche le viuzze del centro e comunque i posti affollati al fine di eludere le investigazioni, erano giovani italiani di buona famiglia e fidelizzati. Billy infatti aveva costruito una fitta rete di acquirenti fissi, soddisfatti dell’ottima qualità dello stupefacente, per non incorrere nei controlli delle forze dell’ordine.

Ma nel corso delle indagini i militari si sono accorti che Billy aveva anche una cospicua entrata in denaro, oltre 50mila euro, che in più soluzioni gli veniva versata da un commerciante jesino, estraneo allo spaccio ed al consumo di droga. Il senegalese aveva ottenuto l’ingente somma in prestito riuscendo a convincere l’ingenuo commerciante, che conosceva dal 2000, di poter disporre di un’importante eredità e che il denaro gli servisse per poterla incassare.

Ovviamente della fantomatica eredità in realtà non c’è nessuna traccia, ma lo jesino non nutriva nessun dubbio al riguardo, tanto da essere stato informato della truffa dai militari che lo hanno chiamato a rendere conto delle circostanze che lo avessero indotto a prestare quell’importante cifra senza nessuna contropartita né pretendendo nessuna garanzia dal senegalese, agendo in una sorta di sudditanza psicologica.






Questo è un articolo pubblicato il 20-12-2011 alle 16:31 sul giornale del 21 dicembre 2011 - 843 letture

In questo articolo si parla di cronaca, paolo picci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/tca