Ancona: sequestro al porto di prodotti ittici e non solo, multe per 11mila euro

motovedetta GCA15 della guardia costiera di ancona 1' di lettura 19/12/2011 -

Un fine settimana intenso quello dei militari della Capitaneria di porto. Durante normali operazioni di controllo sono stati sequestrati nel porto dorico prodotti ittici e non solo. Le sanzioni ammontano a 11mila euro.



Le violazioni riguarderebbero sia la mancanza di tracciabilità del prodotto ittico, ma anche la mancata documentazione di cattura, nonché vendita di pescato di misura inferiore a quella stabilita da normativa.

L'Autorità Giudiziaria é stata, inoltre, informata per l’ipotesi di reato di frode in commercio e la vendita di pesce sottomisura. Nel porto di Ancona, durante controlli avvenuti lungo la banchina adibita all’ormeggio dei pescherecci, veniva sorpreso perdipiù un Comandante in possesso di reti a strascico con maglie di grandezza inferiore a quelle previste.

Individuati e denunciati anche i responsabili di un ingrosso di distribuzione di molluschi bivalvi che utilizzava una etichettatrice per la contraffazione dei bolli sanitari. I bolli fasulli venivano poi applicati sui sacchi per la successiva vendita al dettaglio.

Oltre ai vari controlli a terra, il personale imbarcato della Capitaneria di porto, con l’ausilio di un battello veloce “A15”, venivano sopresi, nella zona di mare antistante la località di Torrette, una vongolara intenta nella pesca a circa 100 mt dalla costa, distanza questa notevolmente inferiore a quella consentita. Al Comandante dell’unità veniva contestato un verbale amministrativo di 2.000 Euro e veniva posto sotto sequestro l’attrezzo da pesca.






Questo è un articolo pubblicato il 19-12-2011 alle 19:20 sul giornale del 20 dicembre 2011 - 1071 letture

In questo articolo si parla di pesca, ancona, laura rotoloni, guardia costiera di ancona, motovedetta gca15

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/s0N





logoEV