counter

Ancona: il PD per il rilancio di Fincantieri

fincantieri 2' di lettura 19/12/2011 -

Si è svolta ad Ancona, presso la sede regionale del Partito Democratico, una conferenza stampa di presentazione del documento nazionale del Pd per il rilancio di Fincantieri.



Presenti il segretario regionale del Pd Palmiro Ucchielli, l’assessore regionale al lavoro Marco Luchetti, il capogruppo Pd in consiglio regionale Mirco Ricci, il consigliere regionale Gianluca Busilacchi, il segretario della federazione provinciale del Pd Emanuele Lodolini.

“Il PD ritiene la cantieristica navale un settore strategico che necessita di un’adeguata politica industriale, di assetti dei territori e dei siti produttivi. Senza interventi e indirizzi nazionali ed Europei la concertazione territoriale cantiere per cantiere da sola non è vincente. Il Partito democratico, attraverso iniziative dei gruppi parlamentari, ha chiesto di rifinanziare la legge per la rottamazione dei traghetti e delle navi merci vecchie anche di 80 anni, di costruire le navi “mangia petrolio” per le quali giace in Parlamento una proposta di legge, di avviare un tavolo tecnico per la progettazione di navi di nuova generazione ecocompatibili e a basso consumo energetico. E’ stato chiesto al Governo di considerare tali proposte come una possibile e concreta via d’uscita dalla crisi di Fincantieri che non merita di essere abbandonata al proprio destino mentre può dare un contributo per il rilancio dell’economia nazionale.

I nostri parlamentari europei sono impegnati in un confronto con il commissario italiano Tajani che ha la delega sul comparto, perché si definiscano delle norme europee che incentivino il rinnovo del parco delle navi attraverso la rottamazione delle navi inquinanti e la loro sostituzione con altre ecologicamente compatibili. Norme già operative nel Baltico, nel mar del nord e nel canale della Manica e che presto saranno operative anche nel Mediterraneo. Un altro provvedimento europeo deve facilitare lo sviluppo delle autostrade del mare e sostenere l’innovazione degli scafi e delle infrastrutture portuali attraverso l’utilizzo di fondi della Banca Europea di investimento. L’augurio che oggi, di fronte ad un mutato scenario politico, queste idee possano essere la base su cui avviare una nuova fase di progettazione e definizione del futuro cantieristico per tutto il Paese.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-12-2011 alle 15:40 sul giornale del 20 dicembre 2011 - 1198 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, ancona, fincantieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/s9Q





logoEV
logoEV