counter

Bilancio di previsione 2012, Giovanni Zinni: 'Il Pdl voterà contro, ecco perchè'

2' di lettura 13/12/2011 -

“Voteremo contro questa legge finanziaria perché a livello locale la politica deve lanciare un messaggio di chiarezza”. Così il consigliere regionale del Pdl Giovanni Zinni, relatore di minoranza della proposta di legge, che anticipa il “no” del suo gruppo al bilancio di previsione per il 2012, che verrà illustrato in Consiglio Regionale nella seduta di venerdì.
 



Al centro delle critiche del Pdl c’è la spesa sanitaria. Che secondo Zinni “rischia già dal prossimo anno di essere molto superiore a quelle che saranno le previsioni legate anche ai mancati aumenti di trasferimenti dallo Stato”. Un problema vero per il futuro delle Marche, tanto che il consigliere regionale del Pdl avverte: “Senza provvedimenti seri, la virtuosità del nostro sistema sanitario rischia di trasformarsi in una bolla di sapone”.

Altra nota dolente per il centro-destra: l’aumento della pressione fiscale. Che, in base a quanto emerge dalle prime indiscrezioni dalla Giunta, servirà a coprire proprio le spese per la sanità. Ma non è l’unico rincaro contestato dal Pdl. “Il centro-sinitra marchigiano ha criticato la riforma Gelmini, ma ha aumentato le tasse universitarie. E le nuove accise sulla benzina sono già scattate – dice ancora Zinni – Come se non bastasse, non sono stati tagliati gli enti inutili, è stato drasticamente ridotto il fondo per il turismo e per il 2012 il finanziamento per la sicurezza e per la lotta alla microcriminalità sarà di zero euro”.

Una bocciatura senza appello, dunque, anche se Zinni cita almeno due “note positive”: la “conferma del fondo anticrisi” e la “riduzione dei tagli agli enti locali”. Anche se – annuncia – “nel 2013 si dovranno fare scelte di bilancio molto più precise, e la politica dovrà fare la sua parte”. Il Pdl annuncia inoltre un dossier sull’attività della Svim (“la Regione non ha mai riferito in Consiglio sulla produttività di queste ente”, dice il capogruppo Pdl Francesco Massi). E dopo l’illustrazione della finanziaria il consigliere Francesco Acquaroli annuncia un ordine del giorno “per la creazione di un fondo a sostegno delle imprese alluvionate e colpite da calamità naturali”. Fondo che verrà sostenuto con la riduzione dei costi istituzionali e con tagli agli enti regionali come la stessa Svim.








Questo è un articolo pubblicato il 13-12-2011 alle 18:06 sul giornale del 14 dicembre 2011 - 2248 letture

In questo articolo si parla di politica, svim, pdl, francesco massi, giovanni zinni, emanuele barletta, pdl marche, francesco acquaroli, notizie marche, consiglio regionale marche, bilancio 2012

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/sTX





logoEV
logoEV