counter

Ancona: la storia delle aree protette regionali in un libro presentato alle Muse

La storia delle aree protette regionali in un libro presentato alle Muse 3' di lettura 13/12/2011 -

Le Marche saranno la seconda regione d'Italia a ottenere la certificazione per il Turismo Sostenibile all'interno dei suoi quattro parchi regionali (Sasso Simone e Simoncello, Monte San Bartolo, Gola della Rossa e Frasassi, Conero). Ad annunciarlo il presidente Federparchi Marche Fabrizio Giuliani, nel corso della presentazione del libro “Parchi da leggere” lunedì pomeriggio al teatro delle Muse.



Nei primi mesi del 2012 i quattro parchi riceveranno il Certificato della Carta Europea per il Turismo Sostenibile (Cets). L'obiettivo è la tutela del patrimonio naturale e culturale e il continuo miglioramento della gestione del turismo nelle aree protette a favore dell'ambiente, della popolazione locale, delle imprese e dei visitatori. Un pomeriggio intenso e partecipato quello di lunedì, durante il quale oltre a presentare i contenuti del libro, realizzato da Federparchi Marche e Regione Marche con la collaborazione dei Servizi Cultura e Ambiente della Regione e del Museo d’Arte Moderna, dell’Informazione e della Fotografia di Senigallia e con il contributo dei più grandi poeti, narratori e fotografi marchigiani, si è fatto il punto sul presente e soprattutto sul futuro delle aree protette regionali.

“Siamo qui anche per festeggiare i vent'anni della legge 394/91, la normativa quadro sulle aree protette -ha affermato il presidente Federparchi Marche Fabrizio Giuliani- il libro, che ha richiesto oltre 3 anni di lavoro, nasce come riflessione su cosa eravamo e cosa vogliamo diventare. Le aree protette non esauriscono tutte le problematiche legate all'ambiente ma rappresentano un elemento fondamentale per lo sviluppo. Nessun parco nasce tra le acclamazioni della popolazione e in questi anni c'è stato da parte nostra un grande lavoro per far capire che laddove viene istituito migliora anche la qualità della vita. I parchi non sono un peso ma un'opportunità e auspichiamo che le nostre indicazioni vengano tenute nella giusta considerazione durante l'iter della proposta di legge regionale sul riordino degli enti di gestione dei parchi, al momento in esame alla IV commissione”. In attesa che la legge venga approvata dal Consiglio, indicativamente entro i primi mesi del 2012, a partire dal 28 dicembre Lanfranco Giacchetti, presidente del Parco del Conero in scadenza di mandato, diventerà commissario unico dell'Ente.

“La tutela del territorio porta sempre buoni risultati in termini di sostenibilità -ha affermato Giacchetti- non a caso gli indicatori ci dicono che tra i settori che tengono di più c'è proprio la green economy, in particolare nel turismo e nell'agricoltura”. Presente anche l'assessore all'Ambiente della Regione Sandro Donati, che dopo aver ascoltato le istanze dei rappresentanti dei parchi e delle aree protette ha sottolineato: “Investire nei parchi significa innanzitutto investire nella vita dei cittadini. Le aree protette devono adattarsi al cambiamento: si tratta però di una delle poche realtà sulle quali non si è abbattuta la forbice dei tagli. La Regione continuerà a erogare contributi anche per il prossimo anno e ammonteranno a 3 milioni e 800mila euro”. Dopo gli interventi l'attrice e regista Isabella Carloni ha interpretato alcuni brani e poesie contenuti nel libro, firmati tra gli altri da Tonino Guerra, Umberto Piersanti, Silvia Ballestra, Francesco Scarabicchi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2011 alle 15:42 sul giornale del 14 dicembre 2011 - 910 letture

In questo articolo si parla di attualità, federparchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/sSH





logoEV
logoEV