counter

Balneari, Rinaldi chiede incontro a Moavero

niccolò rinaldi 3' di lettura 09/12/2011 -

La vicenda delle concessioni dei balneari adriatici rischia di esplodere da un momento all'altro in tutta la sua drammaticitá. Ho ritenuto, dunque, di sollecitare con una lettera formale il neoministro degli Affari esteri Enzo Moavero Milanesi affinché promuova un incontro urgente con tutte le categorie interessate e i parlamentari.



La scadenza per l'applicazione della direttiva europea dei servizi, infatti, si avvicina e la Commissione Ue insiste nel mettere a gara anche le loro concessioni. È in corso una procedura d'infrazione, con la prospettiva di una multa sulle spalle dei contribuenti, che certo il Presidente Monti vorrà evitare. Il peccato originale risale al lungo processo di adozione della direttiva: nessuno - governo o le stesse categorie - pose il problema dei balneari, chiedendone un'esclusione che all'epoca sarebbe stata molto più agevole. Occorre dunque approfittare del nuovo esecutivo, e della sua cultura europea, per scongiurare il rischio non di una vera apertura del settore con una concorrenza "tra eguali", ma dell'ingresso di grandi gruppi industriali, della ristorazione o dell'alberghiero, nazionali e multinazionali, che spazzerebbero via piccole imprese vitali rendendo uniformi le nostre spiagge, magari in stile stazioni di servizio autostradali. Scomparirebbe lo stabilimento balneare italiano, unico in Europa, familiare, con un rapporto col cliente spesso di antica data; una balneazione che incide sulla qualità della spiaggia e in una certa estetica del paesaggio costiero. Era quanto andava spiegato da tempo all'Ue. Ma è anche quanto affermato solo lo scorso settembre dal Parlamento europeo, con un voto che chiede un trattamento differenziato dell'applicazione della direttiva per i balneari italiani. Un voto a larghissima maggioranza che dimostra che l'Europa di per sé non è ostile alla questione delle nostre spiagge, sempre che la si voglia presentare con tempi e metodi corretti.

Quel voto è una formidabile sponda a un governo che voglia beneficiarne. Ora, per convincere l'Europa nel poco tempo ancora a disposizione, il neoministro Milanesi potrà partire dalle proposte che le categorie dei balneari hanno lanciato di recente con un articolato documento. Tra queste mi lascia perplesso il destinare alla concorrenza parte del litorale non ancora soggetto a concessioni (limitando così i tratti di spiaggia libera e indebolendo i vincoli ambientali). In ogni caso, la questione è tutta politica: evitare in piena crisi ulteriore disoccupazione. Un negoziato con la Commissione è dunque quanto mai urgente, anche perchè promesse elettorali come il rinnovo delle "concessioni per 90 anni" o altre soluzioni unilaterali e non concordate con Bruxelles lascerebbero i balneari sotto la minaccia di fondati ricorsi in giustizia. E se il principio delle gare venisse in ogni caso confermato, almeno si dovrebbe intervenire sui criteri di assegnazione, affinchè salvaguardino gli investimenti, la dimensione familiare dello stabilimento, il rapporto culturale e gastronomico col territorio. Ma anche su questa strada occorre sapersi muovere per tempo. Per questo occorre scansare velocemente l'incudine di un'Italia poco reattiva a difendere i propri interessi, e il martello di un'Europa che vuole uniformare tutto.






Questo è un articolo pubblicato il 09-12-2011 alle 17:05 sul giornale del 10 dicembre 2011 - 1010 letture

In questo articolo si parla di IdV Marche, imprese balneari, niccolò rinaldi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/sKt





logoEV
logoEV