counter

Giorgi su direttiva Bolkestein: 'Approvata risoluzione che include mozione IdV'

paola giorgi 2' di lettura 06/12/2011 -

Il Consiglio Regionale si è espresso in merito alla Direttiva dei Servizi Bolkestein con l'approvazione di una risoluzione che include la mozione dell’Italia dei Valori.



La risoluzione approvata in aula impegna la Giunta ad agire presso il Governo nazionale per riconoscere la specificità del settore turistico ricreativo balneare italiano e prevedere, sulla base dell'originalità e specificità del sistema italiano, la deroga del settore dalla Direttiva. E' stato recepito anche un mio emendamento che impegna il Governo a trattare con la Commissione Europea le strategie previste dall' azione prioritaria europea della Small Business Action ( azioni a tutela delle piccole imprese) per le imprese balneari che, ricordo, vestono in maggioranza l'abito di imprese familiari. L'approvazione della risoluzione avviene nei giorni successivi l'uscita del nostro Paese dalla Procedura d'infrazione europea aperta per il mancato adeguamento delle leggi italiane alla Direttiva Servizi (la direttiva Bolkestein), poiché non era mai stato abolito il diritto di insistenza previsto dal codice della navigazione. C'è da rilevare che questo importante atto, contenuto nella Legge Comunitaria 2010, essenziale per poter trattare con il Parlamento Europeo, arriva con un ritardo mostruoso la cui colpa è totalmente da addossare alla volontà del Governo di destra Berlusconi reo di non voler salvaguardare le imprese balneari, ma di favorire l'arrivo di multinazionali, grandi gruppi industriali, con ampie possibilità di infiltrazioni malavitose, alla gestione delle nostre spiagge.

E' fondamentale ricordare come le Direttive Europee, oltre ad avere margini di discussione e possibilità di modifica in fase di recepimento, prevedono, dopo il recepimento, un' attività di monitoraggio per valutare gli impatti negli Stati membri ed eventualmente apportare modifiche. L'attività di monitoraggio relativa alla Bolkestein scadrà il 31 dicembre 2011, data entro cui il Consiglio dei Ministri può chiedere alla Commissione Europea l'esclusione del nostro Paese. Molte le sponde europee per proteggere le nostre imprese balneari, l'ultima è dello scorso settembre, quando il parlamento europeo ha approvato una mozione dell' On. Uggias dell'IDV, con un voto a larghissima maggioranza, che invita la Commissione Europea ad applicare la deroga alla Bolkestein per i balneari italiani. L'azione dell'Italia dei Valori a favore delle imprese balneari e del futuro di migliaia lavoratori del settore, va avanti oramai da oltre un anno, ma il tempo scientemente perso dal Governo di centro destra è una Spada di Damocle. Nonostante questo l'IDV continua la sua battaglia sempre condotta in prima fila a fianco degli operatori del settore e delle loro rappresentanze sindacali.


da Paola Giorgi
Consigliere regionale IDV




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2011 alle 17:04 sul giornale del 07 dicembre 2011 - 1096 letture

In questo articolo si parla di politica, Paola Giorgi, bolkenstein

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/sCR





logoEV
logoEV