counter

Stati generali dell'IdV Marche. Il punto sulla situazione politica

idv marche 3' di lettura 05/12/2011 -

Stati generali dell’IdV Marche per fare il punto sulla situazione politica in preparazione dell’esecutivo nazionale dell’Italia dei Valori in calendario per il prossimo 19 dicembre.



Ma per l’IdV Marche anche l’occasione per preparare a dovere le amministrative di primavera che fra l’altro interessano la Provincia di Ancona e comuni importanti come Fabriano e Jesi, come Civitanova,Tolentino, Porto San Giorgio e Porto S.Elpidio, tanto per citarne alcuni. Senza contare che al voto potrebbe anche andare la stessa Ancona qualora la exit strategy per il sindaco Gramillano suggerita dall’Idv trovasse la giusta e ragionata sponda nel Pd e nell’Udc . In apertura dei lavori, il segretario regionale David Favia ha relazionato su come la situazione si stia evolvendo a livella nazionale e su come l’IdV abbia garantito il proprio voto favorevole al governo Monti pur non firmando una cambiale in bianco come hanno fatti altri partiti come il Pd e l’Udc. “Si tratta di una melassa istituzionale – ha sottolineato Favia – cui l’IdV non si è sottratta per senso di responsabilità e per l’amore verso il Paese. Ora però in Parlamento valuteremo le proposte del governo ma è evidente che, proprio in ossequio alla tanto sbandierata equità sociale, non si potrà ad esempio convergere sull’eventuale blocco dell’adeguamento delle pensioni rispetto all’aumento del costo della vita. Noi intendiamo tutelate i più deboli, i più poveri e siamo dell’avviso che una seria patrimoniale ed una altrettanto seria lotta all’evasione fiscale potranno dare respiro alla nostra economia senza penalizzare ulteriormente i ceti meno abbienti“.

Su questa linea gran parte degli interventi che si sono via via succeduti. Da quello del responsabile regionale dei dipartimenti Gianni Ciotti a quelli del responsabile enti locali Dante Merlonghi e del responsabile dell’organizzazione Roberto Signorini, fino ai contributi dei segretari provinciali di Ancona, Ennio Coltrinari, di Pesaro Claudio Olmeda e di Ascoli, Andrea Cardilli. Numerosi e qualificati anche tutti gli altri contributi. Fra gli altri, quelli di Ninel Donini, Paola Bellini, Ivano Rocchetti, Daniele Taglicozzo, Ernesto Orciani, Vania Longhi,ecc.. Insomma un vero e proprio coro di voci a sostenere la necessità di coniugare il rigore con l’equità sociale, con la stessa crescita per dare lavoro ai giovani ed alle donne che stanno pagando più di ogni altro il prezzo della crisi. In tal senso si è deciso di garantire nelle maggiori piazze marchigiane un filo diretto con la gente. I gazebo idV si apriranno al dialogo ed alla solidarietà per far sì che i cittadini ed i lavoratori in difficoltà possano confrontarsi con la politica e vivere questo passaggio epocale nella consapevolezza che l’IdV sarà sempre la loro sponda politico-istituzionale. Relativamente alla situazione in Regione, i dirigenti e gli amministratori dell’IdV hanno espresso complessivamente un giudizio positivo sull’esperienza di governo che vede collaborare fattivamente e fare squadra appunto l’IdV con il Pd e l’Udc. In proposito sono state evidenziate delle criticità a livello territoriale, soprattutto in alcune di quelle realtà chiamate al voto di primavera, ed è stato ribadito che il centro sinistra continua ad essere il punto di riferimento, senza egemonizzazioni e senza forzature, rispettando la piena dignità di ciascuna forza.”

Di certo i problemi – ha sostenuto Favia – ci sono ma sono sicuro che con la buona volontà di tutte le parti, si potranno superare nel segno del buon governo e della sana amministrazione. Anche ad Ancona occorre trovare col Pd il bandolo della matassa per uscire da questo intollerabile impasse e per restituire al capoluogo le sue vere prerogative di centro propulsore per l’intera Regione. Di questo l’IdV si farà ulteriormente carico per salvaguardare i legittimi interessi della città”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2011 alle 16:04 sul giornale del 06 dicembre 2011 - 1084 letture

In questo articolo si parla di politica, italia dei valori, idv, IdV Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/szi





logoEV
logoEV