counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Latini (Api): 'rilanciare il credito alle imprese'. Un convegno per illustrare le proposte

2' di lettura
1229

Dino Latini

Nella giornata di venerdi sera, presso la sala riunioni della Confartigianato,  si è tenuto un altro degli appuntamenti che il consigliere regionale Dino Latini sta organizzando per fare il punto sui devastanti effetti che la crisi internazionale produce anche sull’economia locale e per mettere a fuoco possibili interventi a sostegno delle nostre imprese.

L’incontro di ieri era incentrato su uno degli snodi di maggiore rilevanza dell’attuale situazione: l'accesso al credito - o credit crunch, in termini tecnici - motore della nostra economia locale e spina dorsale dell'intero Paese.

Oggi purtroppo, per la mancanza di liquidità determinata dal giro di vite che gli istituti bancari hanno imposto, le nostre piccole e medie imprese rischiano di rimanere soffocate. Imprenditori locali hanno lanciato il loro grido d'allarme, ed i rappresentanti delle banche locali, hanno invece spiegato le loro difficoltà.

Nell’occasione, è emersa la forte necessità di un accresciuto ruolo delle società di garanzia; un ruolo di cerniera tra le piccole e medie imprese e le banche, in modo di tornare a creare condizioni per un più agevole accesso al credito.

Illustrata la proposta di legge regionale del Consigliere finalizzata a promuovere l'istituzione di un fondo di controgaranzia a sostegno delle pmi e annunciate le misure anticrisi che la Regione Marche ha messo nel bilancio 2012: sostegno ai Cofidi, Fondo di Garanzia, Fondi BEI, sblocco dei pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni per lo smobilizzo dei crediti.

Ne è seguito un dibattito ampio e qualificato, ricco di riflessioni e di spunti per nuove strategie da perseguire.

Ospiti dell’incontro erano il dott. Mariano Severini, in rappresentanza della BCC Filottrano; il dott. Graziano Sabbatini, presidente della TAC Confartigianato e il dottor Cippitelli, presidente della SRGM.



Dino Latini

Questo è un articolo pubblicato il 04-12-2011 alle 17:15 sul giornale del 05 dicembre 2011 - 1229 letture