Fano-Grosseto, Spacca: 'Segno della validità del contratto di disponibilità'

gianmario spacca 3' di lettura 28/09/2011 -

“La proposta dell’Associazione temporanea di impresa Strabag-Astaldi-Cmc per la realizzazione della Fano-Grosseto, giunta al Ministero e alle Regioni Marche, Umbria e Toscana, è la conferma della percorribilità e della concretezza del modello di Partenariato Pubblico privato proposto, che prevede il ricorso al pedaggiamento del sistema viario e, per l’attivazione della quota Stato, l’utilizzo del Contratto di disponibilità, a cui le Marche stanno lavorando con le altre Regioni interessate. Il modello presentato al Ministero, realizzato mediante la costituzione di una Società Pubblica di progetto realizzata dalle Regioni Marche, Umbria e Toscana e dall’Anas (tecnostruttura competente), in sostanza ha già avuto un primo ok dal ‘mercato’”.



Così il presidente della Regione Marche , Gian Mario Spacca, in merito alle novità emerse nel corso del tavolo tecnico sulla E78 tenutosi al Ministero delle Infrastrutture. “Nel corso dell’incontro – riferisce Spacca – è stato espresso da tutte le amministrazioni presenti l’assenso preliminare sulla proposta di costituzione di una Società pubblica di progetto già illustrata nella precedente riunione del tavolo. In particolare i tecnici della Regione Marche hanno fornito ulteriori approfondimenti su questo strumento che, come evidenziato dalla richiesta dell’Ati, si sta dimostrando particolarmente interessante”. Vista la rilevanza delle imprese riunite nell’Ati (Strabag Ag-Astaldi spa-Cmc Ravenna), la Commissione riunita ieri ha giudicato di notevole importanza la richiesta, considerando positivamente lo sforzo che il Ministero sta facendo per la realizzazione di questa importante arteria, convenendo altresì che il Ministero stesso si attivi per acquisire una proposta preliminare per entrare nel merito dei contenuti specifici, in una successiva riunione prevista per fine ottobre.

Lo strumento giuridico del Contratto di disponibilità, annunciato dal presidente Spacca alle amministrazioni locali la scorsa settimana nel corso dell’incontro sulla Fano-Grosseto a Mercatello sul Metauro, si inserisce nel quadro della creazione di una società tra le Regioni Marche, Umbria e Toscana in collaborazione con privati che dovranno realizzare l’opera ammortizzando l’investimento, dopo il completamento dell’arteria, attraverso l’ipotesi del pedaggiamento o la fiscalità differita. Tramite lo strumento del Contratto di disponibilità lo Stato si impegna a restituire le risorse, una volta realizzata l’opera, attraverso la fiscalità differita negli anni a venire, con un impegno per 45 anni. Una opportunità, quella offerta dal Contratto di disponibilità che, come testimonia la manifestazione dell’Ati, può dimostrarsi particolarmente appetibile per i privati che intendono investire su questa infrastruttura.

“Lo strumento del semplice project financing – conclude Spacca – non era evidentemente sufficiente affinché la Fano-Grosseto si dimostrasse appetibile sul ‘mercato’. Con la previsione, invece, oltre al pedaggiamento anche alla restituzione al privato da parte dello Stato delle risorse investite, attraverso il Contratto di disponibilità in 45 anni, la realizzazione della E78 inizia a raccogliere interessamento. Un buon segnale che emerge in uno scenario di incertezza che si prolunga ormai da troppo tempo”.

Prioritario per la Regione è anche l’inserimento della Fano-Grosseto tra gli interventi strategici del provvedimento sulla “defiscalizzazione” in fase di definizione da parte del Governo nazionale. Per sollecitare tale inserimento, il presidente Spacca ha inviato oggi una lettera al ministro delle Infrastrutture Matteoli in cui precisa che le facilitazioni fiscali connesse “potrebbero sicuramente agevolare l’avanzamento del modello che si sta proponendo e approfondendo al tavolo tecnico per la realizzazione complessiva dell’opera, riguardante la costituzione di una società pubblico-privata tra il Ministero e le Regioni Marche, Toscana e Umbria con il ricorso al Contratto di disponibilità. Tale soluzione – aggiunge il presidente Spacca - ha avuto un impulso anche per le manifestazioni di interesse a partecipare al progetto di finanza per la Fano-Grosseto manifestato ieri dal raggruppamento di imprese Strabag-Astaldi-CMC. La previsione di agevolazioni fiscali – conclude - costituirebbe un ulteriore passo avanti per la realizzazione di un’opera infrastrutturale di importanza strategica per le Marche e per l’intera area centrale dell’Italia”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2011 alle 16:15 sul giornale del 29 settembre 2011 - 614 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, fano - grosseto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pO3