Falconara: quando il troppo storpia

democrazia cristiana 3' di lettura 23/09/2011 -

Snobbato il decoro della città dalla presenza dei RSU. La differenziata così come attuata ostacola la viabilità e deturpa l’ambiente urbano



L’estate è finita, le scuole riaprono i battenti, la viabilità si risveglia più caotica sin dalle prime ore del mattino, 'sbadigliano le finestre' e mentre all’alba la città riprende 'a marciare', la rumorosità si esalta e … il frastuono dei motori si moltiplica al passare dei mezzi dell’Ente per la raccolta dei rifiuti. Il carico e lo scarico dei cassonetti, il rombo del motore del compattatore, le voci imperiose degli operatori, i segnali luminosi e sonori, lucciole e sirene quando i mezzi operano in retromarcia, lo svuotamento rapido delle campane di raccolta del vetro, il tutto accompagnato anche dal clacson di qualche 'automobilista frettoloso' forse in ritardo con l’orologio aziendale, movimenta la giornata al chiarore dell’alba e il risveglio anticipato dei residenti.

Non ci sarebbe nulla di 'strano' se il tutto avvenisse su un’area urbana ampia, previa logica pianificazione e/o distribuzione dei siti dove posizionare al meglio i cassonetti atti alla raccolta differenziata dei rifiuti, ma l’ubicazione attuale dei 'contenitori' non appare opportunamente distribuita. Se Reggio Calabria è nota anche per il più bel chilometro d’Italia, qui a Falconara possiamo essere fieri di aver un record 'invidiabile' : cinquanta metri ( più o meno), dedicata alla sola spazzatura dove la densità dei cassonetti per la raccolta differenziata raggiunge la saturazione.

Dall’incrocio di Via Trieste con Via G.Leopardi , percorrendo la stessa via verso Ancona, si incontrano, a partir fronte al civico n° 7, un raccoglitore per la carta, due per la plastica, due per la differenziata e proseguendo ancora un altro per la carta, altri quattro per la differenziata , due campane per il vetro e….poi tra il civico 12-12/a-e 14 due cassonetti ancora per la differenziata, due per l’organico e si pensi bene che il tutto in poco più o poco meno di soli cinquanta metri. Ci si domanda : forse si è ben pianificato l’ubicazione dei cassonetti ? Abbiamo qualche serio dubbio in merito.

Tale agglomerato di 'raccoglitori' nel creare serie difficoltà alla stessa viabilità, all’utente per la visibilità compromessa perché veri ostacoli inamovibili che uniti alle auto in sosta, diventano 'monumenti' che deturpano l’ambiente urbano quando ancora accompagnati dal poco civismo dei residenti. I rifiuti non sono solo depositati nei raccoglitori, ma spesso e volentieri sono a terra, fuori dai cassonetti e così la nostra città perde la sua citata, storica amabilità 'romana' degli anni trenta a scapito di un degrado vistoso e il rispetto perla propria città e per chi la vive va a farsi benedire.

E’ mai possibile che 'nessuno' si sia reso conto di questo 'problema' ? E’ mai possibile addensare in cinquanta metri ben sedici raccoglitori, più altri ancora per l’organico ostacolando così la circolazione già caotica mortificata dalla sosta delle auto in destra e sinistra ponendo anche in discussione la sicurezza del pedone e dell’utente della strada ? Dove è finita anche la pulizia, dove la salubrità quando i miasmi ,i fetori ecc. invadono le aree vicine ? Dove il decoro dell’ambiente che l’Ente vuole difendere solo a parole ? Siamo destinati a sempre sopportare ,al menefreghismo ,al qualunquismo perpetuo o gli eletti dal popolo debbono in qualche modo rispondere del loro operato ?.

L’esempio del loro 'modus operandi' è l’esaltazione del dilettantismo ,dell’improvvisazione, dell’incapacità di pianificare e gestire anche le piccole cose per cui problematiche diverse, più complesse, non possono trovare soluzioni valide per il bene comune. Se il buon giorno si vede dal mattino ... abbiamo ragione di credere che Falconara non nasca sotto una buona stella e noi tutti non meritiamo questa politica.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-09-2011 alle 18:11 sul giornale del 24 settembre 2011 - 785 letture

In questo articolo si parla di attualità, raccolta differenziata, democrazia cristiana, cassonetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pEU