Piattaforma logistica Marche, Viventi: 'La Regione può lavorare alla cornice legislativa'

Piattaforma logistica Marche 2' di lettura 19/09/2011 -

Lo sviluppo dell’intermodalità nelle Marche e le possibili proposte per una gestione integrata del servizio ferroviario sono stati i temi centrali dell’incontro dell’Osservatorio sulla piattaforma logistica che si è tenuto lunedì mattina in Regione.



Alla riunione hanno preso parte l’assessore regionale ai Trasporti, Luigi Viventi, il presidente della Camera di Commercio di Ancona, Rodolfo Giampieri, il presidente dell’Autorità portuale, Luciano Canepa, con il segretario generale Tito Vespasiani, l’assessore provinciale Antonio Gitto, gli assessori del Comune di Ancona, Paolo Pasquini e Diego Franzoni, il presidente di Interporto Marche, Roberto Pesaresi, con il direttore Gianfranco Biancini, l’assessore del Comune di Jesi, Daniele Olivi, e Cristiana Mazzacchera per l’Aeroporto. Nel corso dell’incontro l’Istao ha illustrato i risultati di uno studio avviato nel novembre scorso e condotto parallelamente con i lavori dell’Osservatorio.

Oltre a fare leva sull’asset porto, interporto, aeroporto come sistema per favorire il decollo del traffico intermodale – si è detto questa mattina - è necessario avviare ulteriori misure. “Quest’anno – ha ricordato l’assessore Viventi – abbiamo recuperato molto terreno con lo sblocco di passaggi importanti per l’uscita ovest e per il bypass di Falconara ma le Marche soffrono di un ritardo infrastrutturale più che decennale. E tutto ciò non è certo agevolato dalla attuale congiuntura economica. E’ necessario, dunque, che ognuno faccia la propria parte per evitare pericolose situazioni di stallo”. In quest’ottica si inserisce la possibilità di prevedere una cornice legislativa regionale che promuova il trasporto su ferro, che lo faciliti e renda questo territorio interessante anche per eventuali interventi da parte dei privati.

Le opere sulla linea ferroviaria Adriatica (come la galleria di Cattolica e il bypass di Falconara) rendono la dorsale Adriatica ormai percorribile da tutte le tipologie di carichi amplificando le potenzialità di sviluppo ma, di fatto, le Marche restano ancora fuori dalle grandi logiche europee. Per recuperare questa marginalizzazione si sta chiedendo all’Europa il riconoscimento nel Core network Europeo della tratta ferroviaria fino ad Ancona, che lo stesso gruppo FF.SS ha già riconosciuto “a mercato”.

A conclusione dell’incontro l’assessore Viventi e il presidente Giampieri hanno sottolineato la necessità di un approccio realistico e “moderno” rispetto ai nuovi scenari, caratterizzati in ogni settore dalla drastica riduzione di risorse pubbliche. “Ciascuno – hanno detto - dovrà fare la propria parte in maniera coordinata, con logiche di integrazione tra pubblico e privato e con un cofinanziamento pubblico che sarà necessariamente limitato”. Solo così si potrà pensare di determinare un effettivo decollo della gestione integrata del servizio ferroviario nell’ambito della Piattaforma Logistica delle Marche.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-09-2011 alle 16:29 sul giornale del 20 settembre 2011 - 787 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pum





logoEV