Tricolore record, arriva Fini. Ricci: 'Insieme al centro dell'Italia unita'

Gianfranco Fini 3' di lettura 13/09/2011 -

Il simbolismo culturale, nell’anno del 150esimo, è marcato. Così come il rimando alla storia. Ma l’evento lega, evidentemente, anche una serie di tratti e significati politici, amministrativi e istituzionali. Tanto che il presidente della Camera Gianfranco Fini partirà da Roma per essere al fianco di Matteo Ricci sabato 24 settembre, nella giornata dell’"orgoglio del Centro Italia".



A Borgo Pace, nella mattinata, e a Mercatello sul Metauro, nel pomeriggio, si fonderanno i temi dell’unità nazionale e dei nodi infrastrutturali dei territori al "Centro dell’Italia unita". Con note di colore niente affatto marginali.

Il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, deus ex machina dell’iniziativa, scende nei particolari: "Da mesi – spiega Ricci - stiamo lavorando, insieme alle Province di Arezzo e Perugia, ad una grande manifestazione nell’anno del 150esimo. Anche per ribadire il nostro ruolo sul versante dell’unità, della coesione sociale e della difesa dei valori racchiusi nella Costituzione. Per questo abbiamo confezionato un maxi-tricolore lungo 1861 metri che sarà sorretto, volutamente, dai giovani e dagli studenti delle scuole. Proprio per sottolineare il legame tra i valori fondanti del Paese e il nostro futuro".

La bandiera da guinness - la più lunga mai realizzata - sarà dispiegata dalla catena umana lungo la statale 73 bis, nei luoghi che, nel 1849, sono stati il teatro della famosa ritirata di Garibaldi e dei suoi uomini. Un momento strategico nella vicenda dell’unità nazionale.

"E' proprio per questo – continua il presidente – l’evento significa molto. Anche in considerazione del fatto che il momento attuale, per il Paese, è davvero drammatico e le regioni dell’ Italia di mezzo dovranno dare un contributo fondamentale per rifare l’Italia".

Ci sarà anche Anita Garibaldi, presidente della fondazione Giuseppe Garibaldi e pronipote del generale. Ma non solo. Perchè l’iniziativa è appoggiata anche dai vertici istituzionali nazionali. "Sarà presente il presidente della Camera Gianfranco Fini – annuncia Ricci -. E il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, pur non potendo partecipare, ci ha scritto per manifestarci il suo sostegno e la sua approvazione".

Oltre a Anita Garibaldi, Fini e Ricci, ci saranno anche il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, il presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai, il presidente della Provincia di Perugia Marco Vinicio Guasticchi, sindaci e amministratori regionali di Marche, Toscana e Umbria. Ma non è tutto. L’orgoglio della "cerniera del Paese" prosegue nel pomeriggio, a Mercatello Sul Metauro, nella sala del consiglio comunale. "La volontà – sottolinea Ricci - è rilanciare la battaglia per la Fano-Grosseto. A un anno di distanza dall’occupazione della Guinza, vogliamo riportare all’attenzione dell’opinione pubblica la questione della mancata ultimazione dell’eterna incompiuta. Faremo il punto sulla E-78, considerando le ultime ipotesi insieme ai presidenti delle Province di Perugia, Arezzo, Siena e Grosseto e agli amministratori delle tre regioni interessate. Siamo determinati e vogliamo dare a tutti un segnale forte. Perché ci siamo anche noi....".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2011 alle 16:16 sul giornale del 14 settembre 2011 - 764 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, matteo ricci, provincia di pesaro e urbino, giorgio napolitano, provincia pesaro urbino, Gianfranco Fini, camera dei deputati, scontri, processo breve, tricolore da record, orgoglio del centro italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ph1