Area Vasta: Tribunale del malato di Jesi, decisione assolutamente iniqua, ingiusta e non condivisibile

Tribunale per i diritti del malato 1' di lettura 09/09/2011 -

Il Presidente del TDM di Jesi esprime il suo completo dissenso dalla decisione presa dalla Regione in merito all’assegnazione a Fabriano dell’Area Vasta provinciale in materia di Sanità.



E non è come si vuole farci intendere una questione di campanilismo come afferma il nostro Assessore regionale Mezzolani o il Sindaco di Fabriano, che, se fosse toccato a lui, sono certo avrebbe reagito allo stesso modo in cui stanno reagendo i sindaci della Vallesina.

E’ una decisione assolutamente iniqua, ingiusta e non condivisibile da ogni punto di vista: numero di utenti, professionalità presenti nella nostra area e non dimentichiamo neanche che a Jesi la stessa Regione ha finanziato la costruzione di un Ospedale modello come quello del Carlo Urbani , reputo, individuando in Jesi sicuramente un polo importante nella realtà sanitaria regionale.

E allora cosa c’è dietro questa decisione: a mio avviso solo e soltanto uno sporco gioco politico ancora una volta condotto dalla Regione per favorire qualche “eletto” : sono sempre dell’idea che sino a quando le logiche politiche governeranno la Sanità mai nessun effetto positivo calerà sui cittadini.



da Pasquale Liguori
Presidente del Tribunale
per i diritti del malato di Jesi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-09-2011 alle 14:01 sul giornale del 10 settembre 2011 - 1618 letture

In questo articolo si parla di attualità, Pasquale Liguori, tribunale per i diritti del malato di Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/paG