counter

Congresso Eucaristico Nazionale, sopralluogo di Spacca sui luoghi che lo ospiteranno

Congresso Eucaristico Nazionale 3' di lettura 19/08/2011 -

Sopralluogo del presidente della Regione e Commissario delegato per il Cen, Gian Mario Spacca , su alcuni dei luoghi che ospiteranno il Congresso Eucaristico Nazionale del 3-11 settembre ad Ancona.



Venerdì mattina Spacca, accompagnato dal responsabile del Dipartimento Protezione civile della Regione Roberto Oreficini, ha verificato personalmente lo stato di avanzamento dei lavori per la realizzazione del grande palco allestito nell’area Fincantieri da cui, domenica 11, Papa Benedetto XVI celebrerà la santa messa. Gli operai sono al lavoro da ieri per il montaggio e l’allestimento della struttura: sul posto Spacca e Oreficini hanno incontrato il responsabile tecnico del Congresso Eucaristico Nazionale Massimo Orselli. Il palco, suggestivo nella sua collocazione - alle spalle l’azzurro del mare, di fronte la cattedrale di San Ciriaco - sarà completato il primo di settembre.

“I lavori di adeguamento e sistemazione della viabilità interna all’area portuale – ha commentato Spacca percorrendo le strade di accesso all’area Fincantieri – sono già terminati e quelli per l’allestimento del palco procedono molto celermente: lo ‘scheletro’ è già visibile”. Dall’area Fincantieri Spacca e Oreficini si sono poi spostati al Centro di coordinamento del Congresso Eucaristico Nazionale allestito all’Istituto Nautico attiguo all’area portuale. Il Centro, che ospita i circa 80 soggetti, tra amministrazioni pubbliche ed enti privati, che contribuiscono all’organizzazione del Cen, è già in pieno fermento. Il presidente Spacca si è soffermato in particolare sulle dotazioni tecnologiche del Centro, dotazioni che consentiranno 18 ore su 24 nei primi giorni del Congresso e poi 24 ore su 24 nelle ultime tre giornate, di monitorare costantemente gli aspetti legati a sicurezza e logistica.

“Molte delle strutture che saranno utilizzate nel corso del Congresso Eucaristico Nazionale – ha detto Spacca – resteranno poi come patrimonio per la città di Ancona. E’ il caso delle dotazioni per la sicurezza: l’impianto di videosorveglianza, con 52 apparecchi che saranno installati in città per il periodo del Congresso, resterà in pianta stabile in dotazione alla città e agli anconetani. E’ solo un esempio di come il grande evento di settembre, oltre a rappresentare uno straordinario momento di spiritualità, riflessione e raccoglimento, porterà anche benefici in termini di dotazioni infrastrutturali, tecnologiche, culturali alle città che lo ospiteranno”. Spacca e Oreficini hanno visitato i tre piani del Centro di coordinamento dove sono ospitate le sale con le postazioni informatiche e di monitoraggio delle varie forze dell’ordine e degli enti, oltre che la terrazza prospiciente l’area Fincantieri su cui è stata allestita anche una postazione meteorologica che consentirà di avere il quadro aggiornato del meteo nelle zone interessate dal Congresso eucaristico. Il presidente , al termine del sopralluogo, ha salutato gli operatori della Protezione civile della Regione riuniti per uno dei numerosi incontri operativi organizzati al Centro.

“La macchina organizzativa – ha sottolineato Spacca – è collaudata, avendo superato prove impegnative come le calamità naturali e i grandi raduni che si sono svolti nella nostra regione. Anche in questa occasione, quindi, la Protezione civile della Regione Marche saprà dare prova di grande efficienza, dimostrandosi ancora una volta una squadra affiatata e solida”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-08-2011 alle 16:24 sul giornale del 20 agosto 2011 - 1650 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/oyZ





logoEV
logoEV