counter

Fano: giro di vite per ferragosto, recuperate due Bmw rubate e arresti per droga

4' di lettura 16/08/2011 -

I carabinieri della Compagnia di Fano hanno eseguito, nel corso dei servizi di controllo del territorio predisposti per il Ferragosto,  numerosi arresti (quattro  solo per spaccio) e diverse denunce. Recuperate due auto rubate del valore di oltre 80.000 euro, con sequestro di cocaina e marijuana.
 



I Carabinieri della Compagnia di Fano, negli ultimi giorni, nel corso dei servizi di controllo del territorio predisposti nell’ambito dell’operazione “Ferragosto sicuro” e finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio ed al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno eseguito una serie di presidi assicurati nei luoghi di maggiore affollamento, con locali notturni passati al setaccio e controlli eseguiti in diverse zone della città. Oltre 250 gli automezzi sottoposti a verifiche, con l’identificazione di circa 300 persone ed un consistente spiegamento di forze messo in campo dai Carabinieri della Compagnia di Fano che hanno così assicurato un adeguato pattugliamento del territorio.

Un 28enne pregiudicato originario della Puglia e domiciliato a Fano è stato tratto in arresto dai militari in quanto già colpito da ordine di carcerazione per 11 mesi di reclusione per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Pesaro. Sempre a Fano, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione di San Lorenzo in Campo hanno tratto in arresto un 25enne pregiudicato moldavo con le accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il 25enne, sorpreso con 10 dosi di cocaina pronte per lo spaccio è stato condotto nel carcere di Pesaro, mentre lo stupefacente è stato sottoposto a sequestro.

I Carabinieri della Stazione di Marotta hanno arrestato, con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti, un 36enne barese che è stato sorpreso mentre cedeva quattro grammi di cocaina ad un 40enne operaio della zona. Durante l'operazione i militari hanno seqstrato anche 20 gr. di cocaina, un flacone di metadone, alcuni grammi di hashish, 7 grammi di “mannite” e materiale vario per confezionare le dosi da spacciare. Lo stupefacente ed il materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro, mentre per il 36enne si sono aperte le porte del carcere di Pesaro. I Carabinieri di Saltara hanno tratto in arresto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso tra loro, due giovani 18enne trovati in possesso di 230 grammi di marijuana che occultavano all’interno della propria autovettura. Lo stupefacente è stato quindi sottoposto a sequestro ed i due giovani tratti in arresto. Sempre i CC di Saltara hanno tratto in arresto un 28enne pregiudicato albanese in quanto colpito da ordine di carcerazione emesso dall’autorità giudiziaria dovendo scontare la pena di anni quattro di reclusione per i reati di induzione alla prostituzione di minori, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e sequestro di persona. L’albanese è stato tradotto nella casa circondariale di Pesaro.

Un 45enne pregiudicato campano è stato arrestato dai carabinieri di Saltara in quanto colpito da un provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Pesaro dovendo scontare la pena di due anni ed un mese di reclusione per rapina, porto illegale di armi ed oggetti atti ad offendere. L’uomo è stato tradotto in carcere. Due potenti e costose autovetture, una Bmw X3 ed una Bmw 530 D, rubate nei giorni scorsi sono state rinvenute dai militari della Compagnia di Fano che le hanno recuperate per la restituzione ai legittimi proprietari. Infine, un arresto per lesioni personali gravi è stato eseguito l’altra notte dai militari di Mondavio a seguito di un intervento effettuato all’interno di una panetteria del luogo, dove due addetti alla lavorazione, per futili motivi connessi al lavoro erano venuti alle mani. Ad avere la peggio il più giovane, un 40enne del luogo, che colpito al volto con un violento pugno dall’altro collega ha riportato la frattura della mandibola, ottenendo una prima prognosi di 45 giorni dai sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale di Fano a cui era costretto a fare ricorso. Dopo la convalida dell’arresto il 47enne responsabile delle lesioni è stato rimesso in libertà in attesa del processo.






Questo è un articolo pubblicato il 16-08-2011 alle 09:02 sul giornale del 17 agosto 2011 - 1796 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresti, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/os3





logoEV
logoEV