counter

Senigallia: domenica l'inaugurazione del cantiere dell'autocostruzione

3' di lettura 14/08/2011 -

Nel 2007 la Provincia di Ancona ha ottenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il finanziamento per un progetto finalizzato all’inclusione sociale dei migranti. Il progetto, dal titolo “Le mani, per vivere insieme”, prevede un intervento di autocostruzione da parte di cittadini italiani e immigrati.



Tale progetto verrà realizzato in Comune di Senigallia, e si inserisce all’interno di un più ampio piano di sviluppo della zona del Cesano, e prevede la realizzazione di alloggi secondo una logica che dovrebbe contrastare la creazione di quartieri “ghetto” per le fasce più marginali della popolazione e promuovere al contrario una reale integrazione tra diverse tipologie di famiglie, costituite da anziani, extracomunitari, giovani coppie e famiglie eterogenee; in secondo luogo il progetto di autocostruzione si configura come un possibile strumento di integrazione e coesione sociale, non solo perché il 50% degli alloggi viene espressamente riservato a cittadini extracomunitari, ma anche perché lo stesso impegno dei beneficiari, associati in cooperativa edilizia, a dedicare un monte ore di lavoro manuale e organizzativo, se adeguatamente sostenuto e gestito, può favorire la condivisione di esperienze e l’inclusione sociale.

La gestione tecnica e operativa del progetto è stata affidata dalla Provincia di Ancona, mediante procedura di evidenza pubblica, all’Associazione Temporanea d’Imprese tra il Consorzio ABN a&b network sociale di Perugia e il Consorzio Solidarietà di Senigallia,

Il progetto, prevede l’utilizzo di un contributo economico pari ad € 253.874,42 come sussidio a fondo perduto per l’autocostruzione degli alloggi destinati alle 20 famiglie beneficiarie comunitarie ed extracomunitarie. Il contributo economico a fondo perduto è erogato per il 50% dalla Provincia di Ancona e per il restante 50% dal Ministero della Solidarietà Sociale.

L’inizio lavori è previsto per il 20 agosto ed il 21 agosto verrà ufficialmente inaugurato il cantiere, alla presenza della Autorità Ministeriali, Provinciali e Comunali oltre che delle famiglie di auto costruttori e di tutti i cittadini del quartiere Cesano di Senigallia, luogo in cui verranno edificati i 20 alloggi.

Le 20 famiglie di autocostruttori, riunite nella Cooperativa “Le Mani, per Vivere Insieme”, potranno quindi realizzare il loro sogno costruendo, insieme al supporto del “Consorzio abn”, del “Consorzio Solidarietà” e della Cooperativa Edile “EdilCorinzi” gli alloggi alla cui progettazione hanno partecipato attivamente insieme al progettista architetto Federica Del Zoppo.

Il supporto finanziario è stato garantito da Banca Etica la quale, con un mutuo ipotecario trentennale studiato ad hoc, consentirà ai beneficiari di autofinanziarsi il costo dell’operazione.

In quest’ultima considerazione risiede un ulteriore valore aggiunto dell’autocostruzione che, basandosi sul protagonismo e la cittadinanza attiva dei diretti beneficiari, tende ad eliminare il fenomeno dell’assistenzialismo e della de-responsabilizzazione dei cittadini.

Dopo la cerimonia del taglio del nastro del cantiere, ad un mese di distanza, è prevista l’organizzazione di un seminario, a Senigallia, sul tema delle politiche abitative e dell’inclusione sociale con la presentazione di una ricerca, affidata all’Università politecnica delle Marche – CRISS (centro interdipartimentale per la ricerca su l’integrazione socio-sanitaria), sulle problematiche sociologiche connesse al progetto di autocostruzione “Le Mani, per Vivere Insieme”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-08-2011 alle 19:26 sul giornale del 16 agosto 2011 - 1985 letture

In questo articolo si parla di provincia di ancona, politica, ancona, autocostruzione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/or9





logoEV
logoEV