counter

Stop ai massaggi abusivi in spiaggia, Confartigianato: attuare l’ordinanza

massaggio in spiaggia 2' di lettura 09/08/2011 -

Confartigianato Benessere chiede la puntuale applicazione dell’ordinanza firmata dal Sottosegretario alla salute e in vigore per l’intera stagione balneare.



Il testo prevede il divieto di offrire a qualsiasi titolo prestazioni riconducibili a massaggi estetici o terapeutici da parte di soggetti ambulanti lungo i litorali, al fine di salvaguardare la salute dei cittadini dai rischi derivanti da prestazioni effettuate in luogo non autorizzato da soggetti che non sono in possesso di comprovata preparazione e competenza. “Oli, creme, pomate non adatte alla pelle del cliente o scadute; non sufficiente o assente competenza professionale, e in più le precarie condizioni igieniche di un messaggio prestato su un lettino esposto a sabbia, vento e sole cocente: i rischi per la salute sono concreti – commenta Loretta Costarelli, responsabile provinciale Confartigianato Benessere- Si possono contrarre infezioni quali, ad esempio, verruche e dermatofitosi, fenomeni di fotosensibilizzazione e altre affezioni cutanee.”

I pericoli che derivano da massaggi effettuati da soggetti non qualificati con strumenti non adeguati in contesti non idonei sono seri, concreti. I massaggiatori abusivi fanno leva sulla scarsa conoscenza di tali rischi e attirano i clienti praticando prezzi stracciati: in questo modo, oltre a danneggiare la salute di chi riceve i loro trattamenti, colpiscono basso anche gli operatori del settore, quelli seri. Gli estetisti, abilitati professionalmente, che lavorano in sicurezza per gli utenti e pagano le tasse, lamentano una perdita economica non trascurabile.

“Ogni estate assistiamo al proliferare sulla spiaggia di presenze di massaggiatori abusivi. Confartigianato Benessere pone all’attenzione dei consumatori l’importanza di rivolgersi a professionisti capaci, “aperti per ferie”, in regola per i propri trattamenti, che offrono alla clientela servizi eseguiti da personale qualificato, in condizioni igieniche idonee. Sono numerosi i centri estetici aperti lungo tutta la riviera al servizio dei cittadini e dei turisti. L’ordinanza firmata dal sottosegretario ci fornisce lo strumento necessario per arginare e combattere questo fenomeno - afferma Giacomo Cicconi Massi, responsabile Confartigianato Turismo – ricorda che, in base alla medesima ordinanza, i gestori pubblici o privati, ovvero coloro che comunque abbiano l’effettiva disponibilità a qualunque titolo di tratti di litorale, sono tenuti a segnalare alle competenti autorità ogni violazione.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-08-2011 alle 16:58 sul giornale del 10 agosto 2011 - 1497 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, massaggio in spiaggia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/oh8





logoEV
logoEV