Riorganizzazione del servizio sanitario regionale: dichiarazione di Gianni Venturi (CGIL)

cgil 1' di lettura 22/07/2011 -

“E’ davvero eccessiva l’accelerazione che è stata impressa dalla Giunta e dal Consiglio all’approvazione della proposta di legge di riorganizzazione del servizio sanitario regionale. E’ una “fretta” che rischia di generare immotivati sospetti ed inutili tensioni se riferita soltanto ad una ridefinizione del perimetro del “contenitore”: dalle Zone alle Aree Vaste.



Ed è una “fretta” che andrebbe ricollocata dentro un percorso più ordinato e partecipato se, come sarebbe auspicabile, si volesse tenere insieme la forma del Servizio Sanitario Regionale con la sostanza dei processi che debbono configurare e sostenere una moderna offerta di salute.

I nodi strutturali della sanità marchigiana, che rischiano di aggravarsi ed appesantirsi per responsabilità del Governo e per effetto della manovra di correzione dei conti pubblici appena varata che taglia risorse e reintroduce i tickets, non possono rimanere sullo sfondo della discussione.

Le Aree Vaste senza personalità giuridica lasceranno la transizione incompiuta e, nel caso peggiore, potranno aprire preoccupanti scenari di separatezza nella continuità assistenziale e nell’integrazione tra ospedale e territorio.

A queste preoccupazioni cercheremo una risposta nel pochissimo tempo a disposizione riservandoci una valutazione di merito sul testo finale che il Consiglio regionale approverà”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-07-2011 alle 17:59 sul giornale del 23 luglio 2011 - 1977 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil, sanità marchigiana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/nFs





logoEV