counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

ll Forum Terzo settore in piazza contro i tagli al sociale

2' di lettura
2419

ll Forum Terzo settore in piazza contro i tagli al sociale

Tra il 2008 e il 2011 i Fondi nazionali per le politiche sociali sono scesi dell’80%. I tagli del Governo sui trasferimenti alle Regioni di questi fondi hanno avuto conseguenze importanti anche nelle Marche: dal 2011, è stato completamente tagliato il Fondo per la non autosufficienza (34 milioni di euro nel quadriennio 2007-2010) e il Fondo unico Politiche sociali è passato dai 17,5 milioni di euro del 2008 ai 4,7 milioni del 2011.

E’ alla luce di questi numeri che stamane, in contemporanea con la manifestazione nazionale di Roma, anche il Forum del Terzo Settore Marche ha tenuto un presidio in piazza del Papa ad Ancona, per dire “Basta tagli!” e affermare con forza che “i diritti sociali non sono privilegi”. In piazza si sono ritrovati esponenti della cooperazione sociale, del volontariato e dell’associazionismo di promozione sociale, con i tre portavoce del Forum regionale Diego Mancinelli (Legacoop Marche), Enrico Marcolini (Avm Marche) e Maurizio Tomassini (Acli Marche). I rappresentanti hanno illustrato le ragioni della protesta e i contenuti di un documento-appello con le richieste del settore, tra le quali: la definizione dei livelli essenziali di assistenza, un congruo aumento delle risorse per le politiche sociali, l’educazione e la scuola, una reale e concreta applicazione del principio di sussidiarietà, una misura universalistica di sostegno al reddito contro la povertà, il ripristino del Fondo per le non autosufficienze.

A seguire, i portavoce del Forum Terzo settore Marche sono stati ricevuti dal Prefetto, al quale hanno presentato le proprie istanze con la richiesta di portarle al Governo centrale. All’incontro ha preso parte anche Giovanni Santarelli in rappresentanza dell’Assessorato Politiche sociali della Regione Marche. Le organizzazioni del Terzo Settore si impegnano, anche nelle Marche, per rispondere ai bisogni sociali e sanitari, in particolare delle fasce più deboli, per la tutela dell'ambiente e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico, ma, a fronte di ciò, scontano le conseguenze degli enormi tagli al sociale operati dal Governo centrale, che si traducono in riduzioni e chiusure di servizi, diritti negati ai cittadini, rischio di disoccupazione per molti lavoratori e peggioramento delle condizioni di tante persone svantaggiate.





ll Forum Terzo settore in piazza contro i tagli al sociale

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2011 alle 17:02 sul giornale del 24 giugno 2011 - 2419 letture