counter

Marche Film Commission a Copenaghen per l'anteprima del film 'L’erede'

cinema 2' di lettura 06/06/2011 -

Dopo Lisbona, Siviglia, Cannes e Monaco e la prestigiosa presenza al BAFTA di Londra, la visibilità della Regione Marche e dei prodotti audiovisivi che vi hanno trovato ambientazione continua ad essere garantita dal lavoro di Marche Film Commission e ICE sui principali mercati cinematografici europei.



L’8 giugno a Copenaghen infatti, presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura si terrà un seminario destinato a produttori, distributori ed operatori del mercato cinematografico danese al quale interverrà l’ambasciatore italiano Carlo Tripepi.

Nel corso del seminario verrà presentata l’attività della Film Commission regionale per la promozione del territorio attraverso l’audiovisivo. In quell’occasione verrà proiettato in anteprima per la Danimarca il film “L’erede” regia di Michael Zampino, una produzione Panoramic Film, girato interamente nelle Marche e realizzato con il contributo del Ministero Italiano per i Beni Culturali. Il film che racconta una storia noir sta per uscire nelle sale italiane. Un’iniziativa innovativa nella quale MFC - in collaborazione con ICE - promuove su un mercato estero un prodotto realizzato con il proprio contributo, amplificando e sostenendo le possibilità di circuitazione dell’immagine filmica della regione. In tale occasione saranno proiettati trailers di produzioni filmiche già ultimate od in corso di realizzazione nella Regione Marche ed una selezione di locations marchigiane dal database online Location Guide.

Ancora una volta, una forma di partecipazione della Regione Marche “audace e consapevole”, com’è stato singolarmente definito lo stesso filmato promozionale Marche: Imagine your film, che sarà proiettato sempre nell’ambito della presentazione. Una nuova opportunità di far conoscere l’attrattività del territorio marchigiano non solo per le produzioni cinematografiche ma anche per le forme di turismo e cineturismo collegabili alle immagini suggestive e avvincenti delle location marchigiane, oggetto di ripresa.

Il regista Michael Zampino ha così definito il territorio marchigiano: “I Sibillini ci hanno rapito ed hanno contribuito a potenziare la storia, il paesaggio marchigiano in questi luoghi è un mix di natura selvaggia e di dolcezza che crea un equilibrio armonico esteticamente molto funzionale in un film di questo tipo.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-06-2011 alle 15:53 sul giornale del 07 giugno 2011 - 1732 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/lGV





logoEV
logoEV