Macerata: Pettinari e la coalizione di centrosinistra: 'Quattro sì al referendum', e giovedì Paola Turci in concerto

Palmiro Ucchielli e Antonio Pettinari 4' di lettura 22/05/2011 -

Ucchielli (PD): “Un terreno che unisce tutto il popolo della Sinistra” Il sindaco di Macerata, Romano Carancini: “Tonino fa bene a non volersi confrontare con chi l’ha chiamato traditore”. Giovedì 26, ore 21, grande festa organizzata dal Pd in piazza Mazzini con Paola Turci ed Ele Matteucci.



Da Antonio Pettinari e dalla coalizione di centrosinistra quattro ‘sì’ al referendum del 12 e 13 giugno su acqua pubblica, stop al nucleare e legge uguale per tutti.

“Un terreno –chiosa Palmiro Ucchielli, segretario regionale del PD- che unisce l’intero popolo della sinistra chiamato domenica 29 e lunedì 30 maggio a battere la coalizione di Destra-Destra guidata da Franco Capponi”. Alla conferenza stampa indetta all’Hotel Claudiani di Macerata, con Pettinari il sindaco Romano Carancini e tutto il vertice della coalizione. Per il Pd, insieme con Ucchielli il segretario provinciale Roberto Broccolo, il coordinatore cittadino Bruno Mandrelli e il consigliere regionale Angelo Sciapichetti ; per l’IDV l’on. David Favia, la v.presidente dell’assemblea regionale Paola Giorgi e Vania Longhi; per la “Nostra Provincia” il coordinatore Sport Massimiliano Bianchini, il segretario provinciale del Psi, Ivo Costamagna e quello dei Verdi, Paola Cardinali. Intenso l’intervento del candidato presidente.

“Siamo chiamati ad un referendum che ci impegna a difesa dei Doni del Creato dei quali il nostro territorio è ricco. Abbiamo il dovere di salvaguardarlo per lasciarlo in prezioso legato alle generazioni che verranno. No dunque al consumo del territorio, no a chi deturpa con il fotovoltaico a terra le nostre straordinarie colline. Giù le mani dall’utilizzo privatistico del bene più prezioso per l’uomo: Sorella Acqua appartiene è la nostra stessa vita.

No alle centrali nucleari, il monito che viene dal Giappone dovrebbe convincere anche chi prima era favorevole”. Rispondendo ai giornalisti, Pettinari ha sottolineato: “L’Udc è schierata a tutela dell’Ambiente. Come segretario regionale del partito ho firmato, anche sotto questo fondamentale aspetto, il programma presentato dal centrosinistra al voto regionale 2010”. “No, infine, al legittimo impedimento, vogliamo che la legge sia uguale anche per Berlusconi.

Vogliamo soprattutto un nuovo premier che non pensi solo a se stesso ma al futuro del Paese”. E a proposito della data di giugno del referendum: “Avevamo tutti chiesto che il voto fosse accorpato ai ballottaggi, risparmiando 300 milioni. Tuttavia il governo nel tentativo di declassare elettoralmente i referendum ha scelto così sperperando risorse che invece fa mancare alle Marche per i danni dell’alluvione”. Infine una promessa: “Abbiamo visto un’interminabile passerella di ministri ed un fiume di promesse: noi, da parte nostra, garantiamo che la nostra campagna elettorale non terminerà lunedì 30…”.

Forte e motivato l’intervento di Carancini: “Pettinari sta sui contenuti e non si cura di attaccare gli avversari: un comportamento opposto al loro. Fa bene a non volersi confrontare con chi lo ha chiamato ‘traditore’. Noi la pensiamo tutti come Tonino, c’è una perfetta condivisione sulle idee e sulle proposte, anche in questo ci differenziamo dalle Destre”. Poi rivolto al candidato presidente, ed ottenendone da lui muto consenso: “Occorre dialogare in modo forte e convinto con tutte le forze democratiche in campo per allargare ancora di più l’area dei progressisti e dei moderati”. L’on. Favia: “Coloro che non si sono recati ai seggi, il 15 e il 16 maggio, al ballottaggio si esprimerà nella stragrande maggioranza per Pettinari”. Sull’Ambiente: “Dopo l’elezione di Tonino, chiederemo che le cinque province concertino tra loro l’ubicazione delle discariche per evitare che il territorio venga ferito”. Ivo Costamagna: “Civitanova Marche libertaria ha punito in modo significativo la peggiore destra finora vista, scesa in campo contro Tonino”. Bianchini: “Si sta risvegliando tra i giovani una forte volontà di partecipare alla politica come servizio indirizzata alla soluzione dei problemi comuni”.

Paola Cardinali: “Abbiamo aderito al programma di Tonino in un percorso virtuoso che unisce l’ecologia (in greco: Casa) alla Famiglia con un ritorno economico sul piano del turismo eco-sostenibile”. Negli interventi finali, Pettinari ha fatto un appello alla condivisione generale intorno al programma: “un’impostazione aperta al contributo di tutti”. E circa la richiesta di Capponi ad confronto a due: “Mi confronto ogni giorno con i cittadini”. Il faccia a faccia dunque non avverrà, meglio così per chi ricorda le “scintille” tra i due al forum promosso da Il Resto del Carlino qualche giorno fa. In conclusione un annuncio che farà piacere a chi ama la buona musica. Lo ha fatto il coordinatore nazionale Ambiente del Pd: per promuovere il referendum il partito ha infatti organizzato una serie di iniziative. Una di queste approderà a Macerata, giovedì 26 (ore 21), in piazza Mazzini con Paola Turci ed Ele Matteucci, una giovanissima e promettente cantante. Ad accompagnarle ci sarà una nutrita orchestra.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2011 alle 20:13 sul giornale del 23 maggio 2011 - 2649 letture

In questo articolo si parla di udc, politica, palmiro ucchielli, pd, antonio pettinari