Costituzione, Silvetti interviene sull'on. Cerioni

Daniele Silvetti 1' di lettura 21/04/2011 -

L'on. Ceroni, nel presentare la proposta di legge costituzionale che ha scatenato una bufera mediatica, è salito agli onori della cronaca ribadendo un astruso primato del parlamento sulla sovranità popolare.



Seppur sconfessato dagli on. Cicchitto e Lupi, in realtà l'iniziativa del parlamentare marchigiano non è altro che un ulteriore attacco al dettato costituzionale, e perfettamente in linea con le posizioni finora assunte dallo stesso presidente del consiglio Berlusconi.

Il degrado etico-culturale dell'azione politica di questo governo ora tocca anche le Marche - continua Silvetti - nella persona dello stesso coordinatore regionale del partito di Berlusconi, per l'appunto Ceroni, con una iniziativa fantasiosa che ha solo lo scopo di alzare i toni dello scontro elettorale, facendo passare in secondo piano i problemi economico-occupazionali in cui versa la nostra regione, ai quali forse Ceroni dovrebbe trovare delle soluzioni, essendo egli parlamentare e massimo dirigente del partito che esprime la leadership del governo nazionale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-04-2011 alle 16:27 sul giornale del 22 aprile 2011 - 2057 letture

In questo articolo si parla di politica, daniele silvetti, Costituzione, fli, remigio cerioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jT5