Fabriano: PLC, vogliono cancellare il nome delle cartiere 'Miliani'

Partito Comunista dei Lavoratori 1' di lettura 30/01/2011 -

Le notizie apparse sulla stampa locale del 25 gennaio relativamente alla cancellazione dello storico nome delle “Cartiere Miliani” e le dichiarazioni rilasciate da certi personaggi non possono che suscitare sgomento e grande riprovazione.



Come è possibile sostenere tale progetto? Non solo per il prestigio mondiale che le “Cartiere Miliani” rivestono, ma per le inevitabili ricadute sociali e produttive che tale sciagurata iniziativa porterà all’intero comprensorio fabrianese, già provato dalla crisi drammatica di tutto il distretto industriale.

Il Partito Comunista dei Lavoratori, nel ribadire che tutto ciò è la conseguenza della privatizzazione selvaggia favorita dai politici fabrianesi, invita questi ultimi a confrontarsi con i lavoratori per avere notizie reali circa l’attuale situazione delle Miliani.

È ora di porre fine a certi legami consociativi esistenti tra qualche dirigente esterno delle Cartiere ed alcuni pseudo-politici che continuano a ignorare la realtà della nostra azienda.

Tutto questo, sommato alla mancanza di un ricambio generazionale nel management dell’azienda fa presagire un futuro negativo anche per il nostro complesso industriale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2011 alle 16:23 sul giornale del 31 gennaio 2011 - 804 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, fabriano, Partito Comunista dei Lavoratori, plc, cartiere milani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gQT





logoEV