Collaborazione tra imprese marchigiane e brasiliane, Spacca: 'Punto di riferimento della strategia di internazionalizzazione'

gian mario spacca 2' di lettura 26/01/2011 -

“L’accordo sottoscritto oggi è un nuovo, forte punto di riferimento della strategia avviata 10 anni fa con Cosmob e gli altri centri servizi marchigiani sulla strada dell’internazionalizzazione”. Così il presidente della Regione, Gian Mario Spacca, oggi a Pesaro alla presentazione dell’accordo di collaborazione internazionale tra le imprese Penserini (marchigiana) e Sintese (brasiliana) per la creazione di una joint-venture che opererà nella realizzazione di una rilevante commessa pubblica in Brasile.



“Dieci anni fa – ha ricordato Spacca – eravamo dinanzi a un processo di globalizzazione che sembrava a esclusivo appannaggio delle grandi imprese e di fronte al quale c’era il rischio che le piccole dimensioni del nostro sistema produttivo fossero escluse. Abbiamo avviato allora una strategia di presenza produttiva e non solo di promozione commerciale in alcuni mercati in forte sviluppo e che oggi sono tra le principali potenze economiche mondiali: Brasile, Cina, Russia e India”. Una strategia “combinata” in relazione alle esigenze di ogni singolo distretto produttivo marchigiano (ad esempio la calzatura per la Cina , il mobile per il Brasile). Lo strumento: la realizzazione di sistemi e reti di imprese grazie al supporto dei centri servizi e la creazione di relazioni strutturali tra la Regione Marche e Regioni brasiliane, cinesi, russe e indiane.

“In Brasile, per esempio – ha aggiunto – abbiamo stretto intese con le Regioni di Parà, Amazonas e San Paolo. Intese a tal punto significative che l’agenzia di sviluppo del Brasile Sebrae ha deciso di sostenerle finanziariamente. Nostro obiettivo era ed è entrare nel processo di crescita di questi Paesi, spingendo le nostre imprese a superare i limiti dimensionali tramite l’organizzazione in rete e l’aggregazione. Nonostante questa esperienza abbia già dieci anni, la strada è ancora agli inizi: vogliamo ora arricchirla di conoscenze e di organizzazione di sistema. Da parte sua – ha concluso - la Regione è pronta a rafforzare una strategia nella quale crede fortemente e ad investire ancora di più. E’ la strategia d’internazionalizzazione attiva verso questi Paesi, in grado di creare flussi di cassa da reinvestire nel nostro territorio e di generare reddito e occupazione. E, con il senno del poi, guardando ai bilanci delle imprese, possiamo dire che se dieci anni fa non avessimo avviato questa strategia, alcuni distretti marchigiani oggi sarebbero in maggiori e più gravi difficoltà”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-01-2011 alle 15:08 sul giornale del 27 gennaio 2011 - 638 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gHI