Senigallia: travolto da un treno merci, muore il titolare della pizzeria 'Joli'

roberto gasparini 1' di lettura 22/01/2011 -

Tragico incidente nella tarda serata di venerdì alla stazione di Senigallia dove, per cause ancora in fase di accertamento, un uomo di 51 anni, Roberto Gasparini pizzaiolo, titolare della pizzeria Joli di via Perilli e residente a Castelcolonna ha perso la vita travolto da un treno merci.



Sul luogo, oltre i sanitari del 118 che trovandosi davanti il corpo con gli arti inferiori mutilati dalle ruote del treno hanno potuto soltanto constatare il decesso, gli Agenti della Polizia ferroviaria di Falconara Marittima che stanno indagando sull'accaduto.

Il sopralluogo, eseguito in queste ore, dovrebbe chiarire la dinamica e soprattutto se si tratta di un incidente o di un suicidio. Per il momento la Polfer non esclude nessuna ipotesi. Tuttavia secondo una prima ricostruzione dei fatti sembrerebbe che Gasparini stesse camminando in una zona interdetta oltre che pericolosa quando è stato travolto dal convoglio.

Il violento quanto inevitabile impatto sarebbe avvenuto all’altezza del ponte ferroviario sul fiume Misa, appena più a nord della stazione di Senigallia dove, sempre secondo una prima ipotesi, l'uomo non sarebbe stato solo. Il 51enne di Castelcolonna, storico gestore della pizzeria in via Perilli, sembra che non avesse con sè neanche i documenti.

Il traffico ferroviario, bloccato per molte ore, ha ripreso il regolare funzionamento solo in nottata.








Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2011 alle 15:11 sul giornale del 24 gennaio 2011 - 1479 letture

In questo articolo si parla di cronaca, incidente, senigallia, stazione ferroviaria, Sudani Alice Scarpini, polfer, stazione di senigallia, joli, roberto gasparini

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici


Non mi viene molto da dire, solo che la sua pizza era davvero buona. Forse è il modo migliore per ricordarlo...

ciro sanviti

Ciao Roberto
mi riccordero' sempre di te e del tuo essere sempre sorridente.

elena kim

ti aspettavamo a samui invece....la tragica notizia ciao roberto kim elena




logoEV