Offagna: scivola in campagna, cacciatore anconetano ferito ad un braccio

ambulanza 1' di lettura 24/01/2011 -

Non sarebbero gravi le condizioni del cacciatore di 40 anni che domenica mattina è rimasto ferito ad un braccio durante una battuta di caccia nelle campagne di Offagna.



L'uomo, un anconetano, sarebbe scivolato lungo un sentiero a causa del fango per le precipitazioni degli ultimi giorni quando, accidentalmente, dal fucile che portava in spalla sarebbe partito un colpo.

Il 40enne, che si trovava con il fratello, sarebbe quindi stato raggiunto dal proiettile su un braccio. I medici dell'ospedale regionale di Torrette di Ancona, dove l'anconetano è stato trasportato, hanno giudicato le sue condizioni non preoccupanti.






Questo è un articolo pubblicato il 24-01-2011 alle 01:22 sul giornale del 24 gennaio 2011 - 537 letture

In questo articolo si parla di cronaca, offagna, Sudani Alice Scarpini, soccorsi, cacciatore, ambulanze

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gDi


Se il cacciatore, invece di spararsi da solo avesse sparato ad un passante (o, come successo "casualmente", alla casa di qualche ambientalista contrario alla caccia), la notizia sarebbe stata peggiore. Ma non c'è modo di disarmare chi non riesce nemmeno a stare in piedi da solo?

Patram, commento sgradevole, proprio di pessimo gusto:
allora disarmiamo quel ragazzo che leggermente "alticcio" (sei volte il limite) stanotte ha causato la morte di tre persone, allora disarmiamo la pista da sci dove s'è mezzo ammazzato uno sciatore professionista, allora disarmiamo la spiaggia dove ogni tanto qualcuno affoga, (tralascio l'elenco)allora disarmiamo........la tua retorica.
Cordialità.

Visto che l'attività del cacciatore, per sport, è quella di sparare ai volatili ed agli uccelli, speriamo mai capiti! che spari al "suo" od a quello del fratello od amico vicino.
Sarebbe proprio un gran bel guaio.

Penso che il cattivo gusto non sia nelle mie osservazioni, ma nell'idea stessa di andarsene in giro con un fucile carico in spalla. O per mostrare buon gusto dovrei dire "poverino, si è fatto male, che tragedia" di qualcuno che se ne andava in giro armato?

ptram.....colpito e affondato, grazie per la risposta.
Comunque c'è chi vede la pagliuzza nell'occhio altrui ma non vede la trave nel proprio. E' sempre di pessimo gusto schernire il prossimo, ma forse ptram non è andato neanche una volta a catechismo e nessun'altro gliel'ha insegnato ma di questa seconda affermazione sono sicuro del contrario, quindi ...................
Per ultimo, bisogna saper rispettare le altrui idee, per fortuna in questa materia regolamentate per legge, pur riconoscendo il sacrosanto diritto di critica.
Cordialità.




logoEV